Per l’Udinese l’operazione Muriel è saltata, ma Ferrero non si arrende

Calciomercato: Massimo Ferrero sta cercando di trovare un nuovo accordo con l’Udinese per il colombiano Muriel

Aggiornamento – Il Presidente Massimo Ferrero non si è ancora rassegnato all’idea di rinunciare a Muriel e sta cercando di raggiungere un nuovo accordo con l’Udinese. Queste le sue parole ai microfoni di Sky:

“Se arriva Muriel? Certo, me lo auguro con tutto il cuore. I Pozzo sono persone ragionevoli, stiamo lavorando per cercare di trovare un accordo con l’Udinese, che tuteli sopratutto il ragazzo”.

Il giocatore intanto non è ancora rientrato ad Udine, ma è rimasto in Hotel a Genova ed aspetta notizie positive in compagnia del procuratore Alessandro Lucci.

Salta il trasferimento di Muriel alla Sampdoria

Precipitano i rapporti tra Sampdoria ed Udinese. I liguri ieri hanno bussato alla porta dei friulani per chiedere uno sconto che li “risarcisse” dall’infortunio di Muriel – non utilizzabile per 40 giorni secondo i medici della Samp – e l’Udinese oggi ha risposto richiamando in sede il giocatore. La società di Pozzo non vuole praticare nessuno sconto alla controparte perché convinta dall’operato del suo staff medico, che aveva già individuato da tempo la lesione muscolare alla coscia destra di Muriel, giudicandola guaribile in una decina di giorni.

Questa differente valutazione fatta dai medici della Sampdoria non è piaciuta all’Udinese che ha quindi deciso di far saltare il tavolo della trattativa, anche di fronte alla chiara volontà di Muriel di non tornare ad Udine. Oltretutto, insieme a Muriel, a Udine dovrebbe rientrare anche il difensore Andrea Coda, inserito nella stessa trattativa con il compagno di squadra colombiano. Coda dal canto suo ha superato senza alcun problema le visite mediche, ma non era ancora stato tesserato in attesa dei nuovi accertamenti ai quali si è sottoposto ieri Muriel. Questo il comunicato dell’Udinese sulla questione:

La situazione è al momento un po’ imbarazzante per tutti. Difficile da capire la posizione della Sampdoria, che pretende uno sconto sul pagamento di un giocatore che comunque non è affetto da un problema grave di salute non comunicato dall’Udinese. Si tratta semplicemente di una differente valutazione sui tempi di recupero da un infortunio muscolare, per un calciatore che comunque avrebbe bisogno di almeno 2-3 settimane di allenamenti per ritrovare la forma migliore dopo aver trascorso qualche mese da separato in casa in Friuli.

L’impressione è che la Sampdoria si sia un po’ pentita della valutazione di 12 milioni per Muriel e Coda fatta in sede di trattativa, ed ora abbia cercato di aggiustare il tiro puntando anche sulla volontà dei due giocatori, ovviamente determinati a cambiare squadra.