Sampdoria, pace con Okaka: niente multa e convocazione in Coppa Italia

Questa mattina a Bogliasco c’è stata una lite tra Mihajlovic e il ds Osti e il giocatore che è stato allontanato dall’allenamento.

” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=kSFaviwUppQ”]

Aggiornamento 20 gennaio ore 13:00 – Arrivano segnali di distensione da Bogliasco tra Okaka e Mihajlovic. L’attaccante ieri era stato allontanato dall’allenamento in seguito ad una lite con l’allenatore e con il direttore sportivo Carlo Osti. Sembrava che il suo destino dovesse portarlo lontano da Genova, invece oggi pare che la situazione sia tornata alla normalità. La società ha fatto sapere che non multerà il giocatore che è anche stato regolarmente convocato per la sfida di Coppa Italia contro l’Inter. Okaka non sarà messo sul mercato, il suo contratto scade nel 2016 e ci sarà tempo per trattare il rinnovo nei prossimi mesi.

Sampdoria, scoppia il caso Okaka

19 Gennaio 2015

Neanche il tempo di festeggiare il ritrovato terzo posto che in casa Sampdoria scoppia il caso Okaka. Che l’umore del giocatore non fosse altissimo lo si percepiva da qualche settimana, ultimamente Mihajlovic lo aveva spesso relegato in panchina, nonostante la partenza di Gabbiadini, preferendogli Bergessio. Lo stesso è accaduto ieri quando per lui c’è stato spazio solo nell’ultimo quarto d’ora. Il tecnico ieri sera era ospite alla Domenica Sportiva e aveva provato a sgonfiare il caso spiegando che la fiducia nell’attaccante era ancora immutata: “Stefano per me è stato un giocatore fondamentale nella prima parte della stagione e continuerà ad esserlo, ma deve rimanere concentrato senza farsi distrarre da altri fattori”.

Tutto rientrato? Macché, stamattina a Bogliasco la situazione è precipitata e difficilmente le parti riusciranno a riavvicinarsi. Secondo quanto si è appreso, la squadra era impegnata nel riguardare le immagini della partita di ieri, quando Mihajlovic non ha gradito l’atteggiamento tenuto da Okaka, per questo lo ha invitato ad uscire dalla sala per andare ad allenarsi in palestra. Il giocatore ha obbedito, uscendo avrebbe avuto un battibecco anche con un dirigente, si parla del ds Carlo Osti. Per questo è stato rispedito a casa. Il giocatore ha commentato l’accaduto con un messaggio sibillino su Twitter in cui parla di una “verità” che prima o poi verra fuori.

Ma da dove nascono le tensioni tra Okaka, Mihajlovic e la società di Ferrero? L’allenatore ieri aveva spiegato ai giornalisti, dopo la partita, che da un po’ di tempo il giocatore non era più quello di inizio stagione. Questioni di mercato, forse. La convocazione in nazionale ha fatto salire le sue quotazioni, è arrivato l’interesse delle big, su tutte Inter e Milan. Queste voci hanno distratto Okaka ma soprattutto lo hanno spinto a temporeggiare sul rinnovo del contratto che scadrà a giugno del 2016. Il club blucerchiato voleva discuterne già ora, il giocatore ha invece fatto sapere che non intendeva pensarci prima della prossima estate, un atteggiamento poco gradito dalla società.

Ora la punta cresciuta nelle giovanili della Roma dovrà davvero cercarsi una nuova squadra, anche se per ora pretendenti serie non ce ne sono, né in Italia, né all’estero. Di sicuro il campo con addosso la maglia blucerchiata difficilmente lo rivedrà. In settimana arriva Samuel Eto’o, è imminente l’annuncio dell’acquisto di Muriel, anche se il colombiano dovrà prima guarire da un infortunio, nel frattempo Eder e Bergessio dimostrano di poter offrire garanzie sufficienti al loro allenatore. Alla luce di queste considerazioni si può dire, quasi senza paura di essere smentiti, che Okaka è un ex giocatore della Samp, se non ufficialmente almeno formalmente.