Che fine ha fatto Antonini? Dal Milan a fuori rosa del Genoa

Di Luca Antonini se ne sono perse le tracce: che fine ha fatto il terzino del Genoa con un passato del Milan? A quanto pare è stato messo fuori rosa da Enrico Preziosi per aver rifiutato nel mercato di gennaio la cessione al Watford, club che milita nella Championship, la serie B inglese. Dopo aver segnato un gol importantissimo nella prima parte della stagione, quello contro la Juventus che è valso tre punti alla squadra di Gasperini, Antonini è costretto ora ad allenarsi da solo con un preparatore atletico messo a disposizione dal Genoa.

Come cambiano rapidamente le cose: da beniamino del pubblico e della città di Genova in generale (aiutò assieme alla moglie Benedetta gli “angeli del fango” a ripulire la città dopo l’alluvione di ottobre), a separato in casa. Luca Antonini era sbarcato al Genoa nell’estate del 2013 diventando ben presto uno dei più apprezzati dai sostenitori rossoblu per l’impegno e la grinta messa in campo ogni qual volta veniva chiamato in causa. È anche per questo che in questi giorni, il calciatore con un passato nel Milan, ha ricevuto numerosi attestati di stima tramite i social network, mentre non sono state risparmiate durissime critiche alla dirigenza genoana.

Genoa CFC v Juventus FC - Serie A

Luca Antonini è sparito dalla circolazione sostanzialmente da due mesi: la sua ultima presenza risale al 7 dicembre, quando ha contribuito alla vittoria del Genoa contro il Milan, la sua ex squadra. Da allora è cambiato tutto per il terzino che la società ligure aveva sostanzialmente venduto al Watford in Inghilterra. Una destinazione non gradita al calciatore, che ha rifiutato il trasferimento e ora sarà costretto ad allenarsi da solo fino a fine stagione. A meno che non si arrivi ad una rescissione anticipata del contratto che attualmente lo lega al Genoa fino al giugno 2016. In questo caso, però, bisogna fare in fretta poiché gli svincolati hanno tempo fino al 27 febbraio per trovarsi una nuova squadra.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail