Feyenoord-Roma sospesa due volte: gesto razzista nei confronti di Gervinho e lancio di oggetti

Tifosi dei Feyenoord nuovamente bocciati

Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto
Feyenoord-Roma 1-2 | Le Foto

La scorsa settimana gli ultrà del Feyenoord hanno devastato il centro di Roma danneggiando la Fontana della Barcaccia in Piazza di Spagna. Questa sera, in occasione della gara di ritorno contro i giallorossi, culminata con un'eliminazione della loro squadra, hanno messo in mostra tutto il proprio repertorio di inciviltà e stupidità. L'arbitro dell'incontro - il francese Turpin - è stato costretto a sospendere la partita in due circostanze. Il primo stop è arrivato al 38esimo minuto quando da una tribuna è stata lanciata in campo una banana di plastica all'indirizzo di Gervinho, che ovviamente non ha gradito. Il gioco in questo caso è rimasto fermo un paio di minuti, giusto il tempo di far annunciare allo speaker dello stadio che alla successiva intemperanza del genere l'arbitro avrebbe sospeso l'incontro.

Sul finale del primo tempo Ljajic ha portato in vantaggio la Roma ed ha deciso di andare a festeggiare il suo gol proprio sotto il settore dal quale poco prima era stata lanciata la banana. Sicuramente quello del serbo è stato un gesto un po' provocatorio (gli imbecilli è sempre meglio ignorarli), ma questo non giustifica di certo il fitto lancio di oggetti da parte dei tifosi. In campo è arrivato di tutto: una pioggia di accendini, monetine, bottigliette e addirittura ombrelli.

Al 54esimo minuto l'arbitro è stato costretto a sospendere ancora la partita quando il pubblico si è nuovamente dilettato in un pesante lancio di oggetti per protestare proprio contro Turpin, reo di aver espulso te Vrede (discutibile il rosso diretto). In questo caso il direttore di gara non ci ha pensato due volte ed ha ordinato alle due squadre di rientrare negli spogliatoi. Questa seconda sospensione è durata circa 10 minuti, passati i quali tutti sono rientrati in campo per riprendere a giocare. Pur di portare a termine il match, probabilmente anche per evitare ulteriori incidenti dentro e fuori lo stadio, l'arbitro successivamente ha dovuto sorvolare su altri lanci di oggetti all'indirizzo di Skorupski.

Adesso il Feyenoord rischia davvero grosso. Potrebbe arrivare una punizione esemplare da parte della UEFA, che potrebbe anche decidere di non omologare il risultato dando alla Roma la partita vinta a tavolino.

Banana Gervinho

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail