Roma multata: petardi, laser e uso di radioline in panchina

Il giudice sportivo Giampaolo Tosel ha reso noti con un comunicato ufficiale i provvedimenti relativi alla 25.a giornata di Serie A, la sesta di ritorno, che si è conclusa ieri sera con il posticipo tra Roma e Juventus (1-1). Entrambe le squadre sono state multate in seguito ai fatti accaduti durante il big match, con i giallorossi che dovranno pagare il conto più salato. Squalificati per un turno ben 11 giocatori, mentre Tosel ha deciso di non applicare la prova Tv per lo scontro Zaza-Candreva, verificatosi durante Sassuolo-Lazio di domenica scorsa.

I calciatori squalificati, tutti per un turno, sono il romanista Torosidis (espulso ieri sera per doppia ammonizione), poi ancora in rigoroso ordine alfabetico Aquilani (Fiorentina), Capelli (Cesena), Conti (Cagliari), Gazzola (Sassuolo), Joao Pedro (Cagliari), Hysaj (Empoli), Parolo (Lazio), Rispoli (Palermo), Stendardo (Atalanta) e Yanga Mbiwa (Roma). Nessuna prova TV per lo scontro Zaza-Candreva: la giustizia sportiva non ha ritenuto necessario prendere in esame le immagini televisive relative all’episodio in questione poiché l’arbitro ha visto e "congruamente giudicato, con una valutazione comunque insindacabile nel merito", si legge nella nota del giudice sportivo. La segnalazione del procuratore federale, dunque, è stata respinta poiché il direttore di gara ha confermato che l’episodio non era sfuggito al suo occhio e a quello dei suoi collaboratori, e non meritava altro giudizio se non quello preso “live”.

garcia-radiolina

Pesantemente multata la Roma, che dovrà pagare 30mila euro di ammenda per ben tre violazioni normative. I tifosi giallorossi si sono resi protagonisti di un fitto lancio di petardi all’interno del campo, ma anche di bengala e una bottiglietta di plastica all’indirizzo del settore occupato dai tifosi della Juventus. Inoltre, al giudice sportivo è stato segnalato l’uso di un raggio laser verde e l’utilizzo della “solita” radiolina da parte di un componente della panchina, per parlare con un collaboratore giallorosso presente in tribuna. Multa di 8mila euro anche per la Juventus (lancio di bengala) e 3mila euro per l’Atalanta (fumogeni e petardi).

  • shares
  • Mail