Milan: stagione finita per Agazzi

Michael Agazzi, estremo difensore del Milan, chiude anzitempo la sua stagione agonistica. Il portiere acquistato dal Cagliari oltre un anno fa e parcheggiato al Chievo per qualche tempo, era sbarcato a Milanello l’estate scorsa con la prospettiva di diventare il nuovo numero uno dei rossoneri, ma le cose non sono andate come previsto. Il suo infortunio, dunque, non preoccupa più di tanto Filippo Inzaghi, che non ha sostanzialmente mai puntato su di lui, ma rimane comunque un investimento che non ha dato ragione alla dirigenza del Milan.

Come comunicato ufficialmente dal Milan tramite una nota apparsa sul sito della società di Via Aldo Rossi, Agazzi è stato operato alla spalla stamattina e il suo recupero è stimato in 3-4 mesi. La sua stagione, dunque, finisce qui:

"AC Milan comunica che oggi Michael Agazzi è stato operato alla spalla destra. Il professor Alessandro Castagna, che ha eseguito l’intervento chirurgico, si è detto soddisfatto per l’esito dell’operazione. Agazzi tornerà a riprendere l’attività agonistica tra tre o quattro mesi".

agazzi-milan-stagione-finita

Un vero peccato per il calciatore, che dopo essere stato prelevato a costo zero dal Cagliari, si è visto parcheggiare per sei mesi al Chievo Verona, prima di poter vestire finalmente la casacca rossonera. Con Filippo Inzaghi, però, Agazzi non ha disputato nemmeno una partita ufficiale: durante le amichevoli estive, l’estremo difensore classe 1984 è stato protagonista di una serie di prestazioni tutt’altro che esaltanti, convincendo l’ad Adriano Galliani a tornare sul mercato per prelevare dal Real Madrid il più affidabile Diego Lopez.

Nel corso della stagione, dunque, Agazzi è diventato a tutti gli effetti il terzo portiere dietro anche al vice Lopez, Christian Abbiati. Con un contratto fino al giugno del 2017, ad Agazzi non resta che sperare di tornare in tempo per mettersi in luce la prossima estate, quando presumibilmente si troverà davanti un ostacolo in meno (Abbiati potrebbe chiudere la carriera a giugno). L’alternativa è la cessione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail