Fiat: sponsor pronto a lasciare la Nazionale

Fiat sta per dire addio alla Nazionale italiana. Si valutano le offerte di Toyota e Volkswagen.

Fiat potrebbe abbandonare la Nazionale italiana, di cui era principal sponsor insieme a Compass e Telecom. Lo scrive l'Ansa. Difficile non intravvedere in questa mossa, una conseguenza dei rapporti sempre più freddi tra la Juventus e la Figc. Che potrebbero sfociare domani, nell'amichevole contro l'Inghilterra a Torino, nell'oscuramento dei simboli bianconeri (gli scudetti 31 e 32).

Quello che è certo è che domani allo Stadium non ci saranno pubblicità Fiat. La società mistra Infront - Il Sole 24Ore, subentrata a Rcs nel ruolo di advisor pubblicitario della Figc, ha infatti ricevuto un'offerta decisamente bassa dal gruppo automobilistico torinese. Marco Bogarelli, presidente di Infront Italia, spiega: "Abbiamo deciso di accentuare la nostra vocazione a trovare accordi all'estero".

Sul tavolo, ci sarebbero due offerte da parte di Toyota e Volkswagen:

"D'altra parte, siamo convinti che la precedente gestione abbia valorizzato poco il marchio della Nazionale, soprattutto sul mercato straniero. E' intuitivo che aziende con possibilità di usare un marchio come quello azzurro in tutto il mondo abbiano capacità di spesa superiore. In questo senso, Toyota o Volkswagen sono certo marchi più globali di Fiat".

Bogarelli dice ancora: "Il Sole24Ore ha addirittura attivato l'Ice, l'Istituto per il commercio estero". Domani, intanto, la Puma presenterà l'accordo di sponsorizzazione tecnica raggiunto l'estate scorsa ai tempi dell'ingaggio di Antonio Conte: "Ma questo prescinde dal nostro contratto. E' un'intesa raggiunta direttamente dalla Figc".

Che Juve e Italia siano lontane, in questo momento, lo conferma indirettamente l'addio di Uliveto, la marca dell'uccellino di Alex Del Piero. Allo Stadium, sulla cartellonistica pubblicitaria, esordirà Lete. Fatta al 99 per cento anche per le media partnership, che saranno con il Corriere dello Sport-Stadio e Radio Italia.

Fiat Italia

  • shares
  • Mail