Parma: corsa contro il tempo per evitare la D

Il Parma può ancora evitare la Serie D e ripartire dalla B dopo la tragica (sia dal punto di vista sportivo, sia societario) stagione appena conclusa. A mezzanotte, infatti, è stato pubblicato ufficialmente il bando che dà il via libera alle trattative private per l’acquisto della società: sono state ammesse solo due cordate, una guidata da Giuseppe Corrado e una da Mike Piazza. Per fare ciò, sono state create due società ad hoc che devono avere i requisiti richiesti dal giudice delegato sotto la supervisione dei due curatori fallimentari Anedda e Guiotto: si tratta della "Nuovo Parma Calcio" facente capo a Piazza, e della "Magico Parma FC" facente capo a Corrado.

Il lavoro dei curatori fallimentari terminerà ufficialmente lunedì prossimo, ma il giudice Rogato effettuerà le verifiche definitive sul debito non prima del 19: considerato che l’inscrizione al campionato di Serie B va effettuata entro il 30 giugno, è una vera e propria corsa contro il tempo. Possibile, come riporta la ‘Gazzetta dello Sport’, che l’esercizio provvisorio sia prolungato dai curatori fallimentari in modo tale da consentire alle due cordate di conoscere con precisione la cifra del debito. Da quel momento, poi, ci saranno solo 11 giorni di tempo per l’eventuale passaggio di consegne ai nuovi proprietari, ma al momento non è ancora possibile fare previsioni.

Parma FC

Le 2 cordate interessate al Parma

Di seguito il comunicato ufficiale con il quale si sono aperte le trattative private per la cessione del Parma:

"I curatori fallimentari dott. Angelo Anedda e dott. Alberto Guiotto - si legge nella nota - comunicano che nella giornata di venerdì 12 giugno 2015 le società Nuovo Parma Calcio S.r.l. e Magico Parma FC S.p.A., entrambe iscritte al Registro delle imprese di Parma, hanno fornito alla procedura le informazioni richieste nel decreto del Giudice Delegato del 10 giugno scorso al fine di essere ammessi alla trattativa per l’acquisto della squadra crociata. In particolare, alla curatela sono stati indicati gli effettivi titolari dei rispettivi capitali sociali e sono stati autocertificati i requisiti di onorabilità dei loro amministratori. Entrambe le società hanno altresì versato la cauzione richiesta nel medesimo decreto. I curatori hanno già preso contatto con i rappresentanti e i legali delle due società al fine di procedere in tempi brevi allo svolgimento delle trattative finalizzate alla vendita dell’azienda sportiva della fallita Parma FC, che dovrà preventivamente essere autorizzata dal Comitato dei creditori e dal Giudice Delegato, che i curatori terranno costantemente aggiornati".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail