L’attaccante della Roma Tammy Abraham racconta il forte legame che lo lega alla capitale italiana.

Tammy Abraham non vede l’ora di scendere in campo per giocare le ultime gare della stagione romanista; ecco quanto dichiarato a Sky Sport. “Una finale è sempre una finale, a prescindere che si tratti di un Mondiale, di Champions League o di Conference. Le finali si vogliono sempre giocare e vincere, noi vogliamo farlo per il club e per la città. Ora ci attendono due finali: la prima contro il Torino, poi quella di Conference League. Non vediamo l’ora. A dire il vero continuo a rivedere quel video”.

Stadio Olimpico Roma
Stadio Olimpico Roma

Sapevo bene cosa ci avrebbe riservato il Leicester a differenza di alcuni miei compagni, perché li conoscevo bene. Poi avevo anche una grande voglia di rivalsa, perché il Leicester ci aveva battuti in finale di FA Cup quando ero al Chelsea. Volevo una rivincita ed è stato bellissimo farlo con quel gol, ora spero di conquistare questa finale per rivederlo con più piacere. Non è mai facile ambientarsi in un paese nuovo, ma qui mi sono sentito da subito a casa. Per questo ho promesso di ripagare dando tutto me stesso, il mio cuore, il mio sangue e il mio sudore. Il modo migliore per ricambiare tutto ciò sarà sollevare un trofeo. Nel complesso posso dire che giocare in Italia è una delle esperienze più belle della mia vita“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 19-05-2022


Europa League: l’incubo di Ramsey

Mourinho: “Il Feyenoord ha un piccolo vantaggio”