L’ex punta del Barcellona El Kun Aguero è tornato sulle circostanze che lo hanno costretto a mettere fine alla sua carriera da calciatore.

L’ex attaccante Sergio Aguero è stato costretto al ritiro per problemi cardiaci. L’argentino ha raccontato l’inizio dei suoi problemi a Radio 10, problemi che sono culminati nella partita contro l’Alaves del 30 ottobre, quella che resta la sua ultima gara da calciatore.

Pallone Champions League
Pallone Champions League

Dieci giorni prima in allenamento ho avuto una breve aritmia, ho fatto i controlli e tutto sembrava a posto. Poi è successo in partita, non me l’aspettavo. Cinque minuti prima ho iniziato a sentire molto caldo nel mio corpo, pensavo fosse per la partita, non avrei mai immaginato che fosse per questo. All’improvviso ho iniziato a sentirmi debole e stordito. In una giocata sono saltato di testa e ho avuto le vertigini. Ho afferrato la mano del difensore della squadra avversaria e gli ho detto: ‘Ho le vertigini, ferma il gioco’. Lo ha detto all’arbitro e lì ha visto che mi stavo afferrando il petto”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-02-2022


Aguero: “Ho un chip al cuore che si illumina, sembro Ironman, non pensavo fosse grave…”

Xavi apre al rinnovo di Dembele: “Le cose cambiano dalla sera alla mattina”