Il CEO Corporate dell’Inter Alessandro Antonello sostiene che si può ridurre i costi restando al contempo competitivi ad alti livelli.

Il dirigente dell’Inter Alessandro Antonello è stato intervistato da Repubblica per tracciare a grandi linee il progetto societario del club. “In questo momento è corretto garantire una sostenibilità economica e finanziaria al club e se questo significa una riduzione dei costi andremo avanti in questo senso. Con Beppe Marotta dobbiamo lavorare a braccetto. Lo scudetto della scorsa stagione e la nostra corsa di quest’anno dimostrano che le due cose si possono tenere insieme. Quest’anno la perdita sarà più che dimezzata, diciamo attorno ai 100 milioni”.

IM_San_Siro_Vuoto_1
IM_San_Siro_Vuoto_1

Sul nuovo stadio preoccupa ancora una volta la lunghezza dei tempi rispetto a un progetto presentato tre anni fa. Il dibattito pubblico è lecito e corretto, ma come investitori dobbiamo avere la certezza dei tempi. Dobbiamo tenerci anche un piano alternativo nel caso le cose non vadano come previsto. Per noi costruire un impianto a San Siro è di sicuro la prima scelta, ma se il dibattito pubblico dovesse avere tempi troppo lunghi, o se il progetto già modificato ne uscisse stravolto, allora ci orienteremo su un piano B. Vogliamo un nuovo stadio e averlo è più importante rispetto a dove averlo“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 31-03-2022


Venezia, Vacca: “Serve mettere la paura alle spalle”

Sampdoria, Damsgaard vede la luce in fondo al tunnel: “È stata dura ma sono guarito”