Piero Ausilio

Il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio ha ammesso che la squadra dovrebbe subire pochi ritocchi da qui a fine mercato.

All’apertura del calciomercato a Rimini c’è anche Piero Ausilio che ha parlato così delle prossime dei nerazzurri sul mercato e non. “Abbiamo la testa già proiettata sulla prossima stagione. Parlare di festa, di Scudetto e di titoli è giusto per finire la celebrazione, ma noi pensiamo già al 2024-2025. A livello di mercato abbiamo meno da fare rispetto ad altri, la squadra è praticamente quella. Preferiamo lavorare con un certo equilibrio, con una rosa non troppo lunga fatta di due giocatori per ruolo e tre portieri”.

Su Arnautovic

“La nostra posizione è la stessa del giocatore: noi non l’abbiamo mai messo sul mercato. Siamo contenti del suo contributo in questa stagione, è stato importante in tante cose. Oltre alle prestazioni, ha dato tanto negli allenamenti, nello spogliatoio e ai giovani, in primis a Thuram”.

Marko Arnautovic
Marko Arnautovic

L’apprezzamento per Gudmundsson

“Ho detto tante volte che apprezzo questo giocatore, ma ho detto altrettante volte che noi siamo questi. La squadra è già quasi pronta, siamo contenti e pensiamo di avere quello che ci serve. Poi il mercato è appena iniziato e ci saranno delle opportunità o situazioni o calciatori che magari vengono a chiederti qualcosa che ad oggi non è mai stato chiesto”.

Sul rinnovo di Inzaghi

“È chiaro che ci ha rallentato il passaggio di proprietà… Abbiamo subito messo sul tavolo, tra le priorità, il rinnovo del mister. C’è piena disponibilità da ambedue le parti e questa si concluderà con un rinnovo attraverso un percorso naturale”.

L’articolo Ausilio: “Contenti di Arnautovic, non l’abbiamo messo sul mercato, ecco cosa posso dire su Gudmundsson” proviene da Notizie Inter.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 02-07-2024


Marotta: “Nessuna richiesta per Calhanoglu, Lautaro non può firmare ora ma lo farà, Carboni è un patrimonio”

Euro 2024: la svalutazione degli italiani coinvolge anche l’Inter