L’amministratore delegato del Genoa, Andres Blazquez, ha parlato della situazione economica del club prima e dopo l’arrivo della nuova proprietà.

Andres Blazquez è stato intervistato dal Secolo XIX tra campo e problemi societari. “Se non fossimo arrivati noi, il Genoa rischiava di fallire. La situazione economica era molto pesante, c’erano 50 milioni da buttare sul piatto e davvero non saprei dirvi come si sarebbe comportata Fingiochi. Per rilevare la società siamo andati incontro a costi sensibilmente superiori a quelli che avevamo programmato. Abbiamo anche messo denaro prima ancora delle firme perché c’erano da pagare gli stipendi e in cassa non c’era un euro”.

IM_pallone_serie_A_2020
IM_pallone_serie_A_2020

Per la gara contro la Sampdoria mi è rimasta addosso una grande delusione, alla fine della partita stavo male. Mi aspetto una grande reazione con la Juventus. Criscito ha avuto le palle per andarlo a tirare. Non è facile prendersi quella responsabilità, lo ha fatto. E ho visto quanto ci tiene al Genoa. Stava male, ho cercato di consolarlo, l’ho abbracciato e poi l’ho chiamato. Non è colpa sua, un errore ci sta. Sul dischetto ci è andato solo lui. Blessin ha scelto di venire in Italia, resterà con noi. In questo momento facciamo pochi gol, sono andato a vedere il rendimento dell’Ostenda e quella squadra di gol ne faceva parecchi. Ne ho parlato con lui e in estate costruiremo una squadra adatta al suo gioco. Ora però pensiamo alle ultime tre partite, ci possiamo ancora salvare“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 05-05-2022


Andreazzoli: “Vorremmo dare lustro alla nostra classifica”

Pinamonti: “Tornare a San Siro emozione particolare”