L’allenatore Roberto De Zerbi si trova ancora in Ucraina, ecco le sue sensazioni dopo gli attacchi di stamane.

Sky Sport ha intervistato l’allenatore dello Shakhtar Donetsk Roberto De Zerbi restato in Ucraina. “Siamo in hotel, situazione precipitata da stamattina. Siamo rimasti a Kiev perché fino ad ieri sera il campionato si sarebbe dovuto giocare. Invece così non è stato. Stanotte ci siamo svegliati in malo modo sotto i colpi, le esplosioni. Stiamo bene, la situazione è tesa, c’è un po’ di preoccupazione e cerchiamo di tenere i contatti con l’ambasciata italiana e quella brasiliana che segue i nostri giocatori. L’ambasciata è stata correttissima e tempestiva. Tutt’ora il console ci sta dando grande sostegno e vicinanza”.

Pallone Europa League
Pallone Europa League

Non era nostra intenzione fare gli eroi. Siamo qui per fare il nostro lavoro, il calcio. Ma ci sono giocatori che hanno già vissuto nel 2014, andando via dal Donbas, ma fino a quando il campionato non veniva sospeso non ci sembrava giusto nei confronti di calciatori e club e giocatori brasiliani che sono rimasti, andare via e abbiamo fatto questa scelta. Che rifarei, ma la situazione è cambiata. Non serve più che stiamo qua perché il calcio è sospeso e stiamo cercando il modo per rientrare a casa“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 24-02-2022


La Steaua Bucarest vieta ai vaccinati di giocare in campionato

Conte: “Ultimi risultati sono un disastro, forse non sono così bravo, devo parlare con la società”