Marcus Thuram

L’ex centrocampista Dino Baggio ha lodato il numero 9 nerazzurro.

Dino Baggio ha parlato alla Gazzetta dello Sport di Marcus e Khephren Thuram. “Marcus l’ho visto tirare i primi calci al pallone. E’ nato quando io e Lilian giocavamo nel Parma. Lo portava spesso al campo d’allenamento e poi al Tardini a vedere le partite. E dopo le partite si stava insieme con le famiglie e ci si divertiva”.

Su Khephren

La Juventus sta per comprare Khephren Thuram dal Nizza; ecco il punto di vista di Baggio. “Lui è nato dopo che io avevo già lasciato Parma. Ci siamo trovati, però, a qualche raduno di vecchi compagni. E poi ho sempre seguito la carriera di questi due ragazzi: devo dire che Marcus, al primo anno in Italia, mi ha davvero impressionato. A parte le qualità tecniche e atletiche, ha dimostrato di avere una notevole personalità: si è ambientato subito all’Inter e il pubblico lo adora”.

Khephren Thuram
Khephren Thuram

Le differenze

Hanno ruoli differenti. Marcus un attaccante, Khephren un centrocampista. Tocca bene il pallone, ha visione di gioco e, secondo me, ha pure lo spirito del leader. È logico che deve crescere, perché è molto giovane, e penso che in Thiago Motta possa trovare un ottimo maestro. I ragazzi che oggi sbarcano nel grande calcio hanno bisogno soprattutto di insegnanti, uomini che si mettano a loro disposizione per farli maturare. Secondo me, Khephren ha notevoli margini di miglioramento”.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 03-07-2024


Marsiglia su Carboni: l’Inter pone le sue condizioni

Berti: “Avrò un nuovo idolo oltre Barella, terrei Carboni per tutta la vita all’Inter”