Il tecnico del Sassuolo Alessio Dionisi ha parlato delle particolarità del campionato che sta per cominciare.

Il Corriere dello Sport ha intervistato Alessio Dionisi che si è interrogato sul nuovo campionato che verrà interrotto quasi a metà per lo svolgimento dei Mondiali. “Sarà una prima volta per tutti. Non so nemmeno se sarà l’ultima perché il calcio si adegua ai cambiamenti, si evolve. Il Covid ci ha insegnato a rimodellare tutto, ci ha cambiato la vita, abbiamo iniziato a lavorare da casa e a fare la spesa senza uscire. Magari il Mondiale a dicembre ci insegnerà qualcosa di nuovo. Rappresenta un’incognita, ma sarà sicuramente stimolante. Ci sono due anomalie”.

Il campionato inizia prima, sembrano solo pochi giorni, ma non è poco. La preparazione non si può anticipare troppo altrimenti si esagera quindi bisogna essere più efficaci e prestativi all’inizio perché ci saranno davvero due campionati distinti. L’altra anomalia è che si giocherà già da Ferragosto e non è mai successo. Il mercato aperto durante il campionato non è una bella cosa. Non aiuta a portare equilibrio nella squadra, a concentrarsi durante la settimana perché nel frattempo le chiacchierare prima e dopo le partite vanno avanti a discapito della concentrazione. Bisognerà conviverci, come in tutte le cose bisogna prendere pro e contro di questo mondo. Di certo il mercato non facilita il lavoro di gruppo. In un mondo ideale non lo vorrei però c’è e bisogna conviverci“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 26-06-2022


L’inserimento di Insigne a Toronto

Sacchi: “Sarà un campionato imprevedibile a causa del Mondiale”