L’ex allenatore Arrigo Sacchi ha parlato dell’incidenza del Mondiale invernale sul prossimo campionato di Serie A.

Arrigo Sacchi alla Gazzetta dello Sport ha commentato il calendario della prossima Serie A. “Il prossimo campionato sarà imprevedibile. Avranno un vantaggio quei giocatori che riusciranno ad adattarsi velocemente alle varie situazioni. Ci sono molti stranieri nel nostro campionato e questi, nella maggior parte dei casi, andranno via per il Mondiale. E il Mondiale, lo so bene perché l’edizione del 1994 non me la sono mai dimenticata, ti prosciuga, ti toglie energie, ti spreme come un limone. In quali condizioni torneranno questi giocatori? Nessuno può saperlo“.

Ci vogliono rose molto ampie e professionisti molto seri che conducano una vita corretta fuori dal campo. Non si può scherzare. Facendo un rapido calcolo un giocatore che arriva in finale al Mondiale gioca, approssimativamente, una trentina di partite in quattro mesi. E’ il caso di dirlo: ci vuole un fisico bestiale. L’inizio di campionato del Milan sarà micidiale. Prima della sosta di settembre hanno sette gare di campionato. In casa: Udinese, Bologna, Inter e Napoli. In trasferta: Atalanta, Sassuolo e Samp. E in mezzo due turni di Champions proprio a cavallo del derby e della sfida contro il Napoli. Inizio da cuori forti“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 26-06-2022


Dionisi enuncia le anomalie del nuovo campionato

Costacurta: “Origi al Milan? giocatore meraviglioso”