Il tecnico del Sassuolo Alessio Dionisi lamenta disparità nel metro di giudizio dell’arbitro di Sassuolo-Roma di ieri.

L’allenatore del Sassuolo Alessio Dionisi commenta così a DAZN un pareggio che sa quasi di beffa perché subìto in pieno recupero. “Mi sarebbe piaciuto giocarmela in undici fino alla fine. Non dire nulla non va sempre bene: Kumbulla andava ammonito prima, mentre a noi il giallo veniva mostrato subito. Era già difficile affrontare questa sfida venendo dalla Coppa Italia, anche per questo vanno fatti i complimenti alla squadra, perché con la stanchezza accumulata non era facile rimontare: stavamo assaporando la vittoria anche in inferiorità numerica. In undici contro undici secondo me avremmo vinto“.

IM_pallone_serie_A_2020
IM_pallone_serie_A_2020

Abbiamo giocatori di qualità come loro due ma pecchiamo un po’ in fisicità, cosa che mette in difficoltà contro quasi tutte le squadre. Dobbiamo mettere la gara sempre sul piano tecnico, ma non sempre ci riusciamo: serve crescere anche dal punto di vista fisico, perché ancora rifiutiamo qualche scontro uomo su uomo. Sono tanti 12 gol presi nei minuti conclusivi, si vede che arriviamo stanchi alla fine, oggi anche a causa della partita di giovedì. Spendiamo tanto perdendo in lucidità, e la poca fisicità ci penalizza anche sotto questo punto di vista“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 14-02-2022


Gazidis: “Nuovo stadio necessario per il club e per il calcio italiano, può ridurre il gap con la Premier League”

Giovanni Simeone: “L’obiettivo resta la salvezza poi si vede, Benzema mi fa impazzire”