Fabiano Parisi, terzino dell’Empoli, ha parlato della stagione ai microfoni de La Gazzetta dello Sport

Fabiano Parisi, terzino dell’Empoli, ha parlato della stagione ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Le sue dichiarazioni:

«La corsa è sempre stata la mia caratteristica. La mia arma segreta sta nei polmoni ma non è l’unica. Ho iniziato da esterno offensivo salvo poi arretrare fino ad arrivare terzino a quattro. Personalmente mi piace giocare nei cinque perché posso curare maggiormente la fase offensiva. La differenza tra Andreazzoli e Zanetti sta nella partenza della manovra, ora posso stare un po’ più alto».

EMPOLI – «Non siamo partiti alla grande, ma sono convinto che presto arriverà la vittoria. Anche per me questa deve essere la stagione della consacrazione. Non penso al mercato ma a fare bene qui a Empoli. Questa è la società ideale per i giovani. L’altro obiettivo è quello di arrivare in Nazionale e spero Mancini mi tenga d’occhio». 

SPINAZZOLA – «L’ho sempre ammirato: veloce, corsa, destro e sinistro. E’ bello confrontarmi con un grande giocatore come lui».

MODELLO – «Jordi Alba. Mi piacerebbe ricalcare la sua carriera. Il mio è un ruolo fondamentale nel calcio moderno perché bisogna saper fare entrambe le fasi. In allenamento lavoro tanto per migliorare». 

L’articolo Empoli, Parisi: «Mi alleno costantemente per crescere. Obiettivi? La Nazionale. Spero Mancini mi osservi» proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 11-09-2022


Torino, che beffa: la squadra di Juric domina e perde

Roma, a Empoli tocca a Abraham: Mou si aggrappa al suo attaccante