L’ex allenatore Fabio Capello analizza la lotta Scudetto senza però voler indicare una squadra favorita sulle altre.

Lunga chiacchierata di Fabio Capello alla Gazzetta dello Sport a tema corsa Scudetto in Serie A; ecco le sue impressioni. “Inter in calo? Un’esagerazione. Non vedo una squadra abbattuta. L’Inter si riprenderà, ma molto dipenderà dalla gara di domenica con la Juve. Un pareggio sarebbe una sconfitta per entrambe, quindi penso che gli allenatori se la giocheranno con le armi che hanno. La Juve essendo indietro in classifica dovrà rischiare di più, ma neppure l’Inter può permettersi un pareggio”.

Le distanze sono minime. E nella lotta scudetto non dimentichiamo il Napoli, una buonissima squadra: è cresciuta molto e ha un tecnico che sa dove portarla. Il Milan ha prima di tutto il vantaggio della spensieratezza, è questa la chiave. È una squadra che trasmette allegria ed è guidata da un allenatore che sta facendo un lavoro ottimo. Ma come tutti i gruppi giovani può avere alti e bassi. E occhio al calendario, che non è semplice. Gli uomini chiave per lotta Scudetto sono Osimhen, Vlahovic, Leao se è in giornata, Dzeko, perché con i ritmi che calano con la sua classe può fare la differenza. Per ora Milan, Napoli ed Inter sono tutte alla pari, poi dipenderà da come andrà il derby d’Italia“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 31-03-2022


Sampdoria, Damsgaard vede la luce in fondo al tunnel: “È stata dura ma sono guarito”

La sicurezza di Crespo: “Lo Scudetto sarà del Milan”