Il presidente della Figc, Gravina parla dell’indice di liquidità e di chi abbandona la maglia azzurra con le relative conseguenze.

Gabriele Gravina appare piuttosto arrabbiato nel giorno di Italia-Germania. Queste le parole del presidente della Figc:

Queste le parole sull’indice di liquidità: “Non possiamo pensare di avere ragazzi importanti sotto il profilo del talento fino a 18-19 anni e poi non dare possibilità ai talenti di diventare campioni. Non abbiamo ragazzi selezionabili e purtroppo non siamo credibili: da un lato vogliamo centrare la qualificazione e raggiungere un risultato sportivo importante, poi dall’altra arrivano richieste ufficiali per portare gli extracomunitari da 2 a 8/10 o addirittura togliere questo limite. Diventiamo poco credibili quando invece di affrontare argomenti di interesse generale, diventa centrale, da sette mesi, l’Indice di Liquidità a 0.5, del quale continuo a vergognarmi. La Germania lo ha a 1.

Gabriele Gravina
Gabriele Gravina

Conclude parlando di chi abbandona la nazionale come Zaccagni e Lazzari che all’ultimo hanno accusato problemi dopo aver detto di star bene: “Cominciamo a percepire una sorta di distacco, ci sono contaminazioni esterne. C’è qualcuno che preme per tutelare il proprio interesse ma questo è nel DNA delle società di calcio. Qualcun altro lo fa per rancore, qualcun altro ancora ha comportamenti contrastanti. Il valore e l’attaccamento alla maglia è qualcosa che comincia a sfumare, in questo bisognerà fare qualcosa in più: fermo restando, e lo dico con massimo rispetto, che la maglia azzurra si può lasciare ma chi lo fa poi si assume le proprie responsabilità e noi andremo comunque avanti“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 04-06-2022


Roma: Friedkin arriva al 90%, acquistate altre azioni

Milan: si decide in estate la quota di Elliott, ecco la situazione