Furlani Milan

Giorgio Furlani, intercettato dai giornalisti prima del pranzo Uefa con la Roma, ha parlato di Pioli, Ibra e Cardinale.

Come di consueto, prima di ogni partita in ambito internazionale, il Milan ospita la squadra avversaria a pranzo. Location per l’occasione il ristorante di Cracco, nel cuore di Milan adiacente a Piazza Duomo. Giorgio Furlani, intercettato dai giornalisti presente ha rilasciato una breve intervista in merito alla partita di stasera con la Roma, abbracciando anche alcuni temi legati alla società, nonché il futuro del tecnico Pioli. L’ad rossonero non ha nascosto l’emozione in merito alla partita di questa sera, ha sottolineato infatti di essere “sempre emozionato per le partite in Europa, anche quelle contro le italiane”.

Stefano Pioli
Stefano Pioli

Furlani spiazza tutti su Pioli

Uno dei giornalisti che hanno intercettato Furlani rivolge all’ad rossonerol’ennesima domanda sul futuro di Pioli. La risposta che arriva è una di quelle che non ti aspetti, il dirigente del Milan sorvola agilmente la domanda con un laconico “sempre le stesse domande”. Rispetto alle conferme dichiarate a chiare lettere in stile Scaroni, oggi Furlani è stato decisamente meno “espansivo” nel confermare il tecnico alla guida del Milan anche per la prossima stagione.

Ibra e Cardinale

Giorgio Furlani nel corso dell’intervista concessa ai giornalisti presenti si è poi soffermato sulla figura di Cardinale, da lui descritta importante perché “Gerry ci tiene molto alla squadra. Per le partite importanti quando può esserci, c’è”. Parole al miele anche per Ibrahimovic, del quale dice che “è sempre importante averlo, lo dico sempre, porta tante cose, è stato un grande campione sul campione sul campo e sta facendo vedere che è un grande campione anche da dirigente”.

L’articolo Furlani: “Pioli? Sempre le stesse domande. Su Ibra e Cardinale…” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 11-04-2024


Repice: “Il Milan dovrà rendere il ritorno poco importante, Pioli? Cambiandolo si può fare meglio o peggio”

Ordine fa ironia: “Cardinale così prestanome che l’ambasciatore USA…”