Il tecnico interista non si fida del Genoa ma deve ritrovare la vittoria con la sua Inter.

Simone Inzaghi volta pagina. Archiviata la brutta sconfitta casalinga contro il Sassuolo. l’Inter ha bisogno dei tre punti per ripartire. Di fronte a sé troverà il Genoa, immischiato nella zona salvezza e quasi condannato alla retrocessione. Ecco le parole del tecnico interista nella consueta conferenza stampa della vigilia. “Troviamo un avversario in salute che nelle ultime quattro partite ha sempre pareggiato giocando un ottimo calcio, intenso. Troveremo una squadra organizzata, che sta lottando per la salvezza. Affronteremo una partita delicata“.

Curva Nord Inter

Su Lautaro Martinez, il volto della crisi interista.
“Si è detto tanto negli ultimi giorni. Siamo ancora il miglior attacco della Serie A, non esiste un problema attaccanti. La preoccupazione sale se non riesci a creare, noi anche domenica col Sassuolo, anche se non è stata una delle migliori prestazioni, abbiamo tirato in porta 20 volte e creato occasioni limpide. Sono convinto che torneremo presto a segnare”.

Sulle aspettative di inizio stagione.
“Io so solo cosa mi è stato chiesto dalla proprietà: mantenere una posizione in zona Champions, arrivare agli ottavi del torneo e provare a vincere la Supercoppa. In questo momento ci serve equilibrio, l’ho visto nella società e nella squadra. I tifosi sono stati meravigliosi domenica, l’equilibrio rappresenta bene il concetto. In estate si parlava di allarmismi, ora dopo una sconfitta ho sentito parlare tanto, ma come abbiamo sempre fatto anche nelle vittorie si è analizzato dove potevamo fare meglio in queste ultime gare”.

Su Brozovic nuovo “colpo” dell’Inter.
“Penso di sì, sappiamo la sua importanza. Come sono stati importanti i rinnovi di Barella, Lautaro, come spero lo saranno Perisic e Handanovic. Sono cose che spettano alla società, i dirigenti lavorano h4 per far sì che la squadra sia sempre competitiva”.

È un’Inter più fragile?
“Nella parte centrale di campionato siamo stati meno vulnerabili, probabilmente eravamo più freschi mentalmente. Sappiamo di dover difendere e attaccare meglio perché nelle ultime partite non siamo riusciti a segnare. È inusuale per noi e stiamo lavorando per concretizzare e difendere meglio“.

Sulla corsa in campionato.
“Siamo in un momento molto importante, non ancora decisivo. Dobbiamo fare questo mese, che sarà molto impegnativo, nel migliore dei modi. Tutto è aperto anche alla Juventus e l’Atalanta, che facendo un filotto di partite si avvicinerebbero. Come detto, dobbiamo fare questa parte di stagione nel migliore dei modi, sapendo che dobbiamo recuperare tutti i giocatori. Ultimamente abbiamo avuto defezioni per squalifiche e infortuni, l’auspicio è avere tutti per poter scegliere”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

slider

ultimo aggiornamento: 24-02-2022


Saelemaekers: “Il pareggio di Salerno è una lezione, vogliamo vincere un trofeo ma pensiamo partita dopo partita”

Blessin: “È un piacere sfidare una grandissima squadra come l’Inter, crediamo nella salvezza”