L’attaccante del Milan Olivier Giroud si focalizza sulla corsa Scudetto e sulla differenza tra Serie A e Premier League.

Interessante intervista realizzata dalla Gazzetta dello Sport ad Olivier Giroud; ecco le sue parole. “L’Inter non è affondata e rimane un pericolo come il Napoli e la Juve. Siamo coscienti che lo scudetto sia alla portata, ma bisogna rimanere lucidi, umili, continuare a lavorare duro fino alla fine. Abbiamo solo delle finali da giocare, le affronteremo al 200 per cento per realizzare il nostro obiettivo che poi è anche un sogno: riportare al Milan lo scudetto, undici anni dopo l’ultimo. È vero, da ragazzo seguivo molto l’Arsenal dei francesi, ma tifavo molto il Milan del mio giocatore preferito Shevchenko. Sarei davvero fiero di fare vincere il Milan come lui“.

Andrij Shevchenko
Andrij Shevchenko

Non mi aspettavo tanta intensità anche contro squadre sulla carta meno forti. Tutte pressano e vanno in marcatura a tutto campo, attaccano per vincere, prendendo rischi, senza timore. Dell’Atalanta si sapeva, ma abbiamo faticato pure con Salernitana o lo Spezia di Thiago Motta, al di là dell’episodio arbitrale controverso. E sarà dura anche al ritorno con Torino e Verona. Bisogna restare concentrati perché è un campionato davvero competitivo. Poi, si possono migliorare i terreni di gioco: in Premier sono davvero perfetti. Ho visto qualche spogliatoio un po’ piccolo, ma ce ne sono pure in Premier. La verità è che è un calcio che mi piace“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 23-03-2022


Pioli: “Stiamo crescendo di stagione in stagione, vediamo dove si può arrivare”

Cagliari, Altare: ufficiale il rinnovo del contratto