Inter, Vecino e de Vrij positivi al COVID. La squadra si ferma fino al 21 marzo

Con quattro positivi al COVID-19 tra i giocatori, l’ATS di Milano impone all’Inter di Conte uno stop di 4 giorni fino al 21 marzo.

L’Inter di Antonio Conte è costretta a fermarsi per qualche giorno a causa del COVID. Stefan de Vrij e Matias Vecino, lo comunica una nota ufficiale della società, sono risultati positivi al COVID-19 in seguito ai test effettuati nella giornata di ieri.

I due giocatori sono già in quarantena presso le proprie abitazioni, così come gli altri due giocatori dell’Inter risultati positivi al COVID-19 nei giorni scorsi, il portiere Samir Handanovic e il difensore Danilo D’Ambrosio. Di fronte a quattro casi di positività accertati nella squadra, l’ATS di Milano ha disposto la sospensione immediata di qualsiasi tipo di attività della squadra per quattro giorni, da oggi e fino a domenica 21 marzo compresa.

Questo significa, calendario alla mano, che l’Inter dovrà saltare l’incontro col Sassuolo in programma per sabato 20 marzo e valido per la 28esima giornata di Serie A, ma questo significa anche che tutti i giocatori dell’Inter non potranno essere convocati dalle rispettive nazionali per l’intera durata di questo stop.

Non è escluso, però, che la sospensione dell’attività venga prorogata. La nota dell’Inter precisa che i tamponi molecolari verranno ripetuti a tutto il gruppo squadra nella giornata di lunedì 22 marzo, prima della eventuale ripresa delle attività.

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Inter

Tutto su Inter →