Il nuovo attaccante della Fiorentina Luka Jovic si presenta nel ritiro viola descrivendo con che modulo finora ha reso meglio.

Luka Jovic è ufficialmente un attaccante della Fiorentina, ecco le sue prime dichiarazioni. “Per me è un piacere essere qui, sono lieto di vestire questa maglia. Molti giocatori dei Balcani hanno giocato alla Fiorentina svolgendo un ruolo importante. Questo mi ha dato in parte la spinta. Ci sono giocatori serbi qui che mi hanno aiutato in questi giorni e mi aiuteranno in futuro. Sono pronto a fare il lavoro che mi chiederà Italiano, sperando di essere all’altezza delle aspettative”.

Dusan Vlahovic

Dusan ha fatto benissimo in Italia e mi ha parlato bene di Firenze, ha fatto tantissimi gol. Voglio fare altrettanto e avere successo. In Nazionale siamo compagni, in Italia avversari. Vediamo come andrà. Ho sempre giocato meglio con un attacco a due, è vero. Ma anche a Francoforte abbiamo giocato a tre, così come al Real ero centravanti unico. Io sono qui per aiutare la squadra, poi il modulo lo deciderà l’allenatore perché lui sa quello che va fatto. Sono sicuro che anche da unico attaccante centrale riuscirò a dare il meglio. A chi mi ispiro? A Ronaldo, un mito: mi piacerebbe fare quello che ha fatto lui, anche in Italia. Il numero 7 l’ho scelto perché non ce ne erano altri disponibili che mi piacevano, non l’ho mai indossata ma spero che porti fortuna. Rigori? Sì, ho chiesto di batterli, sono importanti soprattutto per gli attaccanti. Spero di tirarne tanti in futuro”. 

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 14-07-2022


Hamsik: “Vorrei tornare a Napoli da dirigente, Kim è forte”

Ex Milan, Ambrosini: “il Milan non ha cambiato modo di essere”