Ivan Juric

Il tecnico del Torino Ivan Juric ha di fatto ufficializzato il suo addio ai granata a fine stagione.

Ivan Juric ha commentato Torino-Milan ed in generale la stagione della sua squadra ai microfoni di DAZN. “Il mio rapporto con i ragazzi è favoloso. Tre anni che siamo insieme, bellissimo. Ricardo è speciale, non doveva rimanere, mi avevano detto che non poteva giocare a Torino, invece man mano ci siamo conosciuti e si è creato un grande feeling. Ha deciso di rimanere e abbiamo fatto tre anni bellissimi insieme, ha giocato sempre, un professionista enorme. Oggi ha fatto un golazo, io che lo criticavo sempre che non segnava mai”.

Alexis Saelemaekers Ricardo Rodriguez
Alexis Saelemaekers Ricardo Rodriguez

Il bilancio

“Io la vivo sul sentimento, meno sull’ambizione di dover essere qua o la. Penso che abbiamo fatto bellissime cose, abbiamo ereditato una situazione disastrosa ma io mi sono divertito tantissimo. Ho goduto in ogni allenamento, in ogni rapporto. Vedere i vari Ricci, Buongiorno crescere… Non ho quell’ambizione per dire che mi annoio se lotto per la salvezza. Io voglio i sentimenti, fare il massimo, stare bene nel gruppo: queste sono le mie priorità”.

Sulla partita di ieri e sull’ultima di campionato

L’allenatore poi a Sky Sport parla anche della gara di ieri contro il Milan: “Abbiamo fatto una bella partita, volevamo vincere. Ora siamo lì, dobbiamo rimanere sul pezzo e provare a vincere l’ultima. Stasera molti ragazzi erano affaticati, Buongiorno non si è allenato dieci giorni. Abbiamo sempre avuto gli stimoli, dopo un inizio titubante ci siamo ripresi. Siamo soddisfatti. Gasperini sta facendo l’ennesimo miracolo a Bergamo, ha grandissimi calciatori e sarà dura“.

L’articolo Juric: “Rodriguez è speciale, ha fatto un golazo, col Milan abbiamo fatto una bella gara” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 19-05-2024


Pioli: “Siamo stati disattenti ma il risultato è troppo netto, in generale siamo stati i migliori dei normali”

Bennacer: “Non siamo stati attenti ma non era un problema di motivazioni, Pioli ha sempre fatto il massimo”