Adrien Rabiot

Adrien Rabiot ha gelato il Milan chiedendo un contratto da 9 milioni di euro. Il sogno del francese sarebbe il Real Madrid di Carlo Ancelotti.

Il Milan nel prossimo mercato intende puntellare tutti i reparti della rosa di Paulo Fonseca. Il centrocampo è senza dubbio una zona del campo dove si concentreranno buona parte degli investimenti della squadra mercato rossonera. Adrien Rabiot è senza dubbio un profilo che ingolosisce, sia per la qualità del centrocampista francese e sia perché sarebbe un’operazione a parametro zero. da ieri il giocatore non è più legato da alcun vincolo alla Juventus e il Milan continua la fase di pressing a Veronique, la madre-agente del transalipino. Calciomercato.com ha svelato la cifra richiesta per firmare con il Milan, cifra che potrebbe cambiare di netto gli scenari.

La richiesta di Rabiot al Milan

I colleghi di Calciomercato.com riportano che il Milan, come vi abbiamo documentato in questi giorni, ha sondato il terreno con la madre di Rabiot per verificare la disponibilità del francese di firmare con i rossoneri. Il Club di Via Aldo Rossi ha fissato i propri parametri di spesa a 7 milioni annui, cifra ben diversa da quella richiesta da Veronique, la madre-agente del calciatore, pari a 9 milioni.

Geoffrey Moncada
Geoffrey Moncada

Il sogno di Rabiot

Moncada ha tentato di accaparrarsi Rabiot a parametro zero, apprezzando del francese la sua grande qualità tecnica oltre che il suo carattere. Dinanzi a certe richieste il Milan non può far nulla, se non desistere. Oltretutto – riporta Calciomercato.com – il sogno nel cassetto di Rabiot sarebbe volare in Spagna, per raggiungere Carlo Ancelotti al Real Madrid. Al termine degli Europei ogni dubbio sul francese sarà chiarito, non prima.

L’articolo Milan, Rabiot gela il Diavolo: ha chiesto 9 milioni e sogna il Real proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 03-07-2024


Milan, Bennacer apre all’Arabia: il prezzo fissato dal Club

Milan: si punta a chiudere per il ritiro l’acquisto di Emerson Royal ma c’è distanza tra le parti