Theo Hernandez

Theo Hernandez, ad oggi, è più lontano dal Bayern Monaco. La trattativa per Davies, dal club bavarese al Real Madrid, sembra rallentare.

Il mercato vive di momenti, di attimi e certezze che da un momento all’altro possono cambiare. Il destino di Theo appariva infatti segnato, in uscita dal Milan e in direzione Bayern Monaco dove avrebbe preso il posto di Alphonso Davies in partenza verso il Real Madrid. Secondo quanto riferito da Cadena COPE la situazione avrebbe subito variazioni significative e, ad oggi, gli scenari sarebbero molto diversi rispetto a qualche settimana fa.

Theo Hernandez
Theo Hernandez

Il Real Madrid ha mollato Davies?

Il possibile addio di Theo al Milan nasce dal possibile intreccio di mercato tra Milan, Bayern Monaco e Real Madrid. Quest’ultimi infatti avrebbero posato gli occhi e le proprie mire su Alphonso Davies del club bavarese che, a sua volta, dovendo trovare un rimpiazzo all’altezza avrebbero potuto puntare Theo Hernandez. Ad oggi però, secondo quanto riportato da Cadena COPE, la trattativa tra Alphonso Davies e il Real Madrid si sarebbe raffreddata. L’interesse dei Blancos per il giocatore resta sempre molto alto ma, l’intenzione sarebbe quella di aspettare la naturale scadenza del contratto in essere con il Bayern Monaco ( giugno 2025, ndr ) per acquisirlo a parametro zero.

Theo resta al Milan?

La strategia del Real Madrid per Alphonso Davies spegne di conseguenza le mire del Bayern Monaco per Theo, visto anche il costo massiccio che avrebbe l’operazione che, senza l’uscita del terzino canadese, sarebbe insostenibile. Per ora quindi i tifosi del Milan possono tirare un sospiro di sollievo, le percentuali della permanenza del francese a Milano aumentano sensibilmente.

L’articolo Milan, Theo più distante dal Bayern Monaco? Ecco l’intreccio di mercato.. proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 17-05-2024


Milan, Brassier insidiato dal Bologna: duello di mercato in vista

Fonseca al Milan può favorire l’arrivo di Jonathan David e Tiago Santos