L’attaccante della Juventus Alvaro Morata è soddisfatto di non segnare tantissimo a patto di vincere tanti trofei e fare tanti assist.

Alvaro Morata si è raccontato ai microfoni di DAZN, ecco uno stralcio della sua intervista. “Il mio futuro? Tutti i giocatori della Juve si giocano il futuro, in ogni allenamento e partita. La Juve ha una coda lunghissima di chi vuole essere qui. Normale essere giudicato ogni partita, io do tutto per vincere, per i compagni, per i tifosi. Mi sento molto bene alla Juve. Non chiedete a me le altre cose, sono contento di essere qui, di arrivare alla Continassa, i miei figli mi chiedono l’inno della Juve ogni mattina”.

Coppa Italia
Coppa Italia

Sono felice, sarei più felice se facessimo una foto con la coppa. Gli assist? Mi regalano le stesse sensazioni dei gol. Per come gioca la Juve, o hai uno schema per l’attaccante centrale, o ti adatti alla squadra. Il mio ruolo per me è sempre stato da calciatore per fare gol, devo tornare in difesa, dare una mano, sporcarti per aiutare in uscita, per complicare la vita all’avversario e la giocata. Ti assicuro che qualsiasi attaccante che fa 40-50 gol e non vince niente, cambierebbe per 15 gol e vittoria nelle coppe. Mi piace vincere e aiutare i compagni, vorrei fare più gol ma quando fai assist, anche se ti piace fare reti, è bello. E’ bello anche condividere”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 15-04-2022


Italiano: “Obiettivo ripetere la prestazione di Napoli in ogni gara”

Juventus, Allegri: “Dybala? Sta crescendo molto di condizione”