Napoli: sacerdoti contro l’intitolazione del San Paolo a Maradona

“Lo stadio San Paolo resti al Santo che ci ha portato Gesù! “: la lettera inviata al cardinale Sepe, si va verso la doppia intitolazione

Lo stadio San Paolo di Napoli sarà intitolato a Diego Armando Maradona, ma con ogni probabilità manterrà anche la denominazione iniziale. Se è vero che la spinta in favore dell’ex numero 10 azzurro è importante, dall’altro lato non tutti sono d’accordo sull’abbandonare la storica denominazione. Tra queste fila ci sono i Decumani, che con una lettera firmata da don Salvatore Giuliano, parroco della Basilica di San Giovanni Maggiore, e indirizzata al cardinale Sepe fanno sapere: “Lo stadio San Paolo resti al Santo che ci ha portato Gesù! Sento con umiltà la grande responsabilità di dirvelo”.

Nella missiva, riportata dall’edizione odierna de Il Mattino, si legge ancora: “Eminenza Reverendissima, trovo veramente triste che mentre i potenti cancellano i nomi e i segni della fede dalle nostre città, noi cristiani restiamo in silenzio o peggio li appoggiamo. Il Consiglio dei decani potrebbe valutare la proposta della doppia titolazione, sicuramente equilibrata, e poi passarla ai presbiteri”.

I sacerdoti napoletani chiedono insomma l’intervento del cardinale Sepe, affinché quantomeno riesca a mantenere contestualmente la precedente denominazione, oltre alla nuova. Ovviamente, l’intervento del prelato può essere solo di tipo diplomatico, poiché innanzitutto si tratta di un impianto di proprietà del comune. Inoltre, lo stadio di Fuorigrotta non ricade nella diocesi di Napoli, bensì in quella di Pozzuoli, che comunque già in passato si era opposta ad altri tentativi per il cambio di denominazione.

Maradona: inizia la battaglia per l’eredità

Jana Maradona, figlia avuta da una relazione extraconiugale e riconosciuta dal Pibe de Oro solo al compimento del 18° compleanno, ha avviato quella che sarà una vera e propria battaglia legale per l’eredità del “Diez”. Lo scrive oggi il quotidiano Clarin: Jana ha fatto il primo passo reclamando la sua parte di beni e ora seguiranno a ruota Dalma e Giannina, entrambe nate dall’unione di Diego con la prima moglie Claudia Villafane.

Ultime notizie su Calciomercato Napoli

Tutto su Calciomercato Napoli →