Parla Luciano Spalletti, tecnico del Napoli discute della sconfitta subita in rimonta contro Empoli per 3-2.

Napoli, il tecnico Luciano Spalletti parla della brutta sconfitta subita contro l’Empoli in rimonta dal 0-2 a 3-2. Queste le parole sull’addio allo scudetto: “Quello sicuramente perché ci sono i numeri che lo dicono. Con dispiacere è un sogno che abbiamo coltivato con grande sacrificio e lavoro, però sono stati più bravi gli avversari di noi. Sorprende il finale di questa partita qui, perché non se ne vedono molte.

Aggiungi: “Sono cose che nel calcio succedono, che una squadra cali di ritmo e intensità, mentre abbiamo trovato un avversario caparbio che ci ha provato sempre. Se non hai una struttura mentale forte, diventa un problema. Non è la nostra partita se arriva la battaglia, a volte si va in difficoltà. Se succede questo è responsabilità dell’allenatore.

Sul suo futuro: “Il mio futuro è domani l’altro, volevo rimanere qui a trovare mia mamma ma dopo una prestazione così torno a Napoli con la squadra. Dobbiamo sentirsi le responsabilità, non ci può essere questo divario tra lottare per il campionato e fare dieci minuti di questo genere. Ho sempre messo gas a manetta sempre, ma se si fa queste prestazioni significa che ho sbagliato qualche cosa nel lavoro.” Conclude così.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 24-04-2022


Salernitana, Nicola: “Sappiamo benissimo che adesso arriva il difficile”

Udinese, Cioffi: “Ho visto una mentalità cattiva, voglia di fare punti”