L’Inter c’è e a Palermo s’è visto tutto: confeziona un secondo tempo niente male e infligge un impietoso 0-2 ai volenterosi rosanero di Ballardini, bravi nel palleggio ma mai veramente pericolosi dalle parti di Julio Cesar. Chi tiene a distanza di sicurezza la Juve è Zlatan Ibrahimovic, autore di una doppietta di pregevole fattura, soprattutto per quanto riguarda la prima marcatura. Al Barbera i padroni di casa non sono riusciti dunque a fare un “favore” al loro ex compagno Amauri, con gli ospiti allenati da Mourinho guardinghi al punto giusto nella prima frazione e implacabili nella ripresa (FotogalleryVideo).

Ballardini non ascolta il suo presidente e rimanda in campo il suo undici tipo: fuori dunque gli “sponsorizzati” Guana, Budan, Succi e Lanzafame, con le sole novità di Migliaccio al posto dello squalificato Nocerino e Carrozzieri col danesino Kjaer che si riaccomoda in panchina. Mourinho sceglie invece una formazione tutta straniera, col duo offensivo Cruz-Ibrahimovic, supportati dal robustissimo centrocampo a quattro con capitan Zanetti, Vieira, Muntari e Cambiasso; il pacchetto arretrato è lo stesso proposto domenica scorsa contro l’Udinese.

Il primo tempo non è bellissimo, anche se i presupposti sono quelli giusti: tanta intensità, pubblico caldo e giocatori rosanero intenzionati a non concedere neanche un centimetro ai più blasonati avversari. Il Palermo indubbiamente gioca meglio, anche se i corner li mettono spesso in difficoltà; sgrogliate le matasse in difesa grazie anche alla solidità di Bovo e Carrozzierri, i padroni di casa ragionano con lucidità dal centrocampo in su, per merito soprattutto della superba intelligenza calcistica di Liverani, capitano non a caso di una squadra che s’adegua ai tempi da lui dettati.

Miccoli appare ispirato e conclude due o tre volte verso la porta di Julio Cesar; Cavani aziona il suo terzo polmone per svariare su tutto il fronte offensivo ma punge poco sotto porta. Bravo anche Simplicio, anch’egli però impreciso negli ultimi 30 metri. E’ difficile arrivare con pericolosità dalle parti dell’estremo difensore avversario, così ci prova addirittura Carrozzieri da poco meno di quaranta metri, sparando sul fondo. Come detto tanta voglia di ben figurare, ma brividi veri non se ne avvertono. Dopo due minuti di recupero Tagliavento manda tutti a prendere un thé caldo.

La ripresa, però, è tutt’altra storia. C’è solo una squadra in campo, l’Inter, che fa capire subito di che pasta sia fatta: è Ibrahimovic che dopo neanche un minuto di gioco inventa, letteralmente, il gol del vantaggio nerazzurro con un tiro improvviso da fuori area che fulmina l’incolpevole Fontana. Ci si aspetta la reazione del Palermo, ma una punizione dal limite dell’area (dopo due occasioni sprecate dagli ospiti firmare da Cruz e Ibra) per un contatto tra lo svedese e Carrozzieri chiude praticamente il match: batte proprio Ibrahimovic che, complice anche una barriera non impeccabile, trafigge Fontana per la seconda volta. A Budan, entrato per Bresciano, segue l’ingresso in campo di Lanzafame per Liverani: ci prova Cavani con un tiro da fuori, quindi Miccoli su punizione, ma la squadra di Mourinho non subisce più di tanto.

Anzi, rischia di allungare con una punizione di Cambiasso, e ancora con Mancini (entrato per Cruz) e infine con l’onnipresente Ibrahimovic il cui tiro è deviato prodigiosamente dall’eterno Fontana. Il Palermo non c’è più, il tiro di Lanzafame a tempo scaduto è una carezza per i guanti di Julio Cesar che mantiene inviolata la sua porta: l’Inter allunga dopo 48 ore dal successo della Juve, l’atteso big-match di sabato prossimo tra nerazzurri e bianconeri verrà giocato coi primi avanti di tre lunghezze. Ballardini se ne va pensieroso, sperando che Zamparini non faccia qualche pazzia. Non meriterebbe certo l’esonero.

Tabellino e pagelle

PALERMO-INTER 0-2 (0-0)
MARCATORI: Ibrahimovic al 1′ e al 17′ s.t.
PALERMO: Fontana 6.5; Cassani 5.5 (34′ s.t. Ciaramitaro sv), Carrozzieri 6, Bovo 6, Balzaretti 5; Migliaccio 5.5, Liverani 6 (19′ s.t. Lanzafame 5.5), Bresciano 4.5 (11′ s.t. Budan 6); Simplicio 5.5; Miccoli 6, Cavani 5. (Ujkani, Guana, Dellafiore, Kjaer). All. Ballardini
INTER: Julio Cesar 6; Maicon 6, Cordoba 6, Samuel 6.5, Maxwell 6; Cambiasso 6; Vieira 6 (42′ s.t. Burdisso sv), Muntari 5.5 (19′ s.t. Stankovic 6), Zanetti 6.5; Ibrahimovic 7.5, Cruz 6.5 (32′ s.t. Mancini sv). (Toldo, Obinna, Materazzi, Balotelli). All. Mourinho
ARBITRO: Tagliavento
NOTE: spettatori 34.203 per un incasso di 834.065 euro. Ammoniti Bovo, Cordoba, Simplicio, Balzaretti. Recupero: 3′ p.t., 3′ s.t.




Le migliori foto di Palermo-Inter



















Foto via: corrieredellosport.it

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Serie B, Quattordicesima Giornata: Bari in vetta in attesa del big match

Serie A, Dodicesima Giornata: Risultati e Classifica