L’allenatore del Milan è visibilmente provato al termine di Milan-Spezia; ecco le sue parole: “Cosa ho provato? Ho provato a calmare i giocatori ma non ci sono riuscito e la dimostrazione la si è avuta sul secondo gol subito. Sapevano di aver subito un torto e hanno perso lucidità. Dispiace, abbiamo le nostre colpe, ma questa volta ci sono anche colpe dell’arbitro. Strano tra l’altro, perché fino a quel punto non aveva fischiato nessun mezzo fallo. Ora dobbiamo immediatamente rialzarci. L’arbitro ha chiesto scusa. Dispiace per la persona, ha chiesto subito scusa e si è messo le mani in testa perché si è accorto subito di aver sbagliato…“.

Milan, dalla delusione europea all'occasione scudetto

Ha sbagliato, si è accorto subito e ci ha chiesto anche scusa. Purtroppo è andata così. Ha commesso un errore grave, lo ha anche ammesso. Purtroppo è una serata negativa, è andato tutto storto. Ci deve però dare la carica per reagire subito. Non dovevamo finire 1-0 il primo tempo, abbiamo avuto occasioni per vincerla. Una serata storta. Quando crei 7-8 palle gol, vuol dire che sei dentro la partita. Provedel ha fatto tante parate. Abbiamo avuto delle difficoltà nel secondo tempo, ma abbiamo avuto le situazioni per vincerla. E poi l’abbiamo persa”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 18-01-2022


Il Milan perde con lo Spezia non solo per colpa sua

Milan-Spezia, Serra in lacrime, il bel gesto dei rossoneri