Lautaro

Massimo Recalcati ha raccontato il suo amore per l’Inter e la propria stima per Lautaro nell’intervista alla Gazzetta dello Sport

Massimo Recalcati ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport in cui ha parlato dell’Inter.

AMORE PER L’INTER – «È stato mio padre a trasmettermi questo amore, erano i tempi della Grande Inter. Ricordo da bambino le vittorie in Coppa dei Campioni. Il bianco e nero in tv dava un elemento solenne e quella squadra ancorami commuove. L’Inter era il legame più forte con lui. Ancora oggi quando sogno l’Inter, sogno sempr equalcosa che ruota attorno a mio padre».

EROI NERAZZURRI – «Boninsegna con Beccalossi e Zanetti. Oggi amo Barella più di tutti. È irrequieto e geometrico, forte e agile, tecnico e atletico, essenziale e visionario, elegante e rude. Una somma straordinaria di contraddizioni che convergono in un solo punto. Poi Lautaro perché mi ricorda molto Boninsegna».

LAUTARO – «Lautaro non è Maradona, ma ha un tratto maradoniano, l’inclinazione pulsionale a segnare, a raggiungere il gol anche dove non sembra possibile. Tiene insieme tecnica e forza in modo raro. In ogni argentino c’è una prodigiosa capacità di sognare, ma la sua esplosione è legata alla fedeltà alla maglia. È la differenza psichica profonda tra Lautaro e Lukaku: la fedeltà. In questo, l’escalation di Lautaro mi ricorda quella di Zanetti. L’identificazione alla maglia potenzia la prestazione e fa guadagnare leadership nel collettivo».

L’articolo Recalcati: «Lautaro? Ricorda Boninsegna e ha tratti maradoniani» proviene da Inter News 24.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 01-02-2024


San Siro ristrutturato, nuovo anello da 300 milioni: la reazione dell’Inter dice tutto

Calciomercato Inter, slitta ancora la firma di Taremi: il motivo