L’attaccante del Sassuolo Gianluca Scamacca racconta un po’ di sé e soprattutto la sua attenzione sul fondamentale del tiro in porta.

Gianluca Scamacca è stato intervistato da Inside Serie A; ecco le sue parole. “Il mio modo di calciare il pallone? Sono sempre stato ossessionato dal tiro. Calciavo in porta da piccolo, amavo farlo e mi ha aiutato a migliorare. Lontano dalla porta Dionisi chiede un lavoro anche sporco, di svariare, di andare lungo e corto, mi sto adattando al suo gioco”.

IM_Berardi_Domenico_2
IM_Berardi_Domenico_2

Il gol più bello è stato quello a San Siro contro il Milan, non mi sarei mai sognato un gol così. Volevo calciare così. Il paragone con Ibra è motivo d’orgoglio, è un campione, un attaccante penso tra i più forti che ci sono. Aver vinto quella partita mi ha dato di più che battere una singola persona diciamo, è stata la partita perfetta. Il mio rapporto con Raspadori e Berardi è ottimo, andiamo d’accordo e ci capiamo in campo. Andiamo da soli in campo, c’è intesa”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 02-03-2022


Percassi spiega come cambia l’Atalanta con Pagliuca

Sconcerti: “Milan-Inter molto brutto, i nerazzurri sono in un’involuzione vistosa ma neanche i rossoneri sono al meglio”