Parla il presidente della Serie A, Lorenzo Casini in una intervista sulla rivista Formiche. Queste le parole.

Lorenzo Casini parla così della Serie A durante un intervista alla rivista Formiche: “Il quadro attuale non è molto confortante, perché la Serie A ha perso terreno non solo rispetto alla Premier league, ma anche alla Liga e alla Bundesliga, in termini sia di valore della produzione, sia di ricavi da diritti audiovisivi”.

Aggiunge il presidente della Lega: “La situazione delle infrastrutture vede solo quattro stadi di proprietà e un’età media degli impianti di oltre sessant’anni, con il 90% degli stadi del tutto carenti sotto il profilo dell’efficientamento energetico. I bilanci delle società sono in sofferenza, con casi di profondo indebitamento e frequenti ricapitalizzazioni. Come riprendersi da tutto questo e riportare in alto la Serie A? Le risposte sono numerose e ovviamente prevedono interventi ampi, di profilo internazionale o nazionale.

Casini parla di quali sono i settori dove intervenire: “Innanzitutto, occorre intervenire su tre ambiti: aumentare le risorse; migliorare le infrastrutture; lavorare sulla cultura, sull’educazione e sulla formazione. Le risorse possono essere incrementate sia abbattendo i costi. Sia consentendo alle imprese del calcio di produrre maggiori entrate”.

Conclude così il presidente Casini della Serie A: “Queste azioni necessitano di un piano industriale della Serie A, con ammodernamento della sua forma di governance. La predisposizione di un tale progetto, sollecitata anche dal governo, è divenuta oggi indispensabile e tutte le società ne sono consapevoli, tanto da aver già avviato nel 2021 il percorso di creazione di una media-company“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 03-06-2022


Real Madrid: attacco a Ceferin per l’organizzazione della finale

Italia-Germania probabili formazioni