L’ex centrocampista Ciriaco Sforza ora sogna di sedersi sulla panchina nerazzurra.

Ciriaco Sforza ha parlato di Italia-Svizzera e di sé stesso in una lunga intervista al Corriere della Sera. “La pressione è più sulla Svizzera. Se guardiamo le ultime tre partite, ha giocato bene e vinto, soprattutto nell’ultima contro la Germania. Le aspettative sono alte. C’è la voglia di fare l’impresa. Questa è pressione“.

La differenza con la Serie A dei suoi tempi

Allora era un campionato diverso, sicuramente. C’erano giocatori speciali: Baggio, Mancini, Baresi, Pagliuca. Oggi mancano i campioni. La mia sensazione è che il problema non siano gli stranieri, ma gli stranieri scarsi. Ne avete troppi“.

Il sogno da allenatore

Sono felice allo Schaffhausen, volevo tornare nel calcio. Il mio sogno è arrivare in Germania o in Italia. Magari all’Inter. Non subito, devo ancora crescere, ma un giorno chissà. Sarebbe come chiudere un cerchio“.

La sua avventura all’Inter

Rimpianti? Tutt’altro. Solo tanti ricordi belli: il terzo posto, il debutto a Udine con gol. E l’orgoglio di aver giocato in una squadra leggendaria“.

Il tema della depressione nel calcio

“Venti o anche solo dieci anni fa era considerata una vergogna parlarne. Niente di più sbagliato. Quando allenavo il Grasshoppers, ho deciso di fermarmi per quasi due anni. Avevo paura. Del fallimento, della vita, di morire di infarto per via della pressione. Oggi a 54 anni sono un uomo più forte. E sogno l’Inter“.

L’articolo Sforza: “Ho giocato in un’Inter leggendaria, ora ho un grande sogno” proviene da Notizie Inter.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 29-06-2024


Senderos: “Bastoni ha qualità e personalità ma ruberei un altro giocatore all’Italia, Ndoye è pronto per l’Inter”

Bergomi: “Calafiori ha fatto bene ma ci ha perso Bastoni, ecco cosa bisognava fare”