Le parole di Juric in conferenza stampa in vista della sfida con il Bologna: «Thiago è stato influenzato da Gasp ma anche da altri tecnici»

Ivan Juric ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida del Torino con il Bologna. Di seguito le sue parole.

4 EX GENOA 2009 ALLENANO IN SERIE A«Thiago ha un bagaglio diverso, è stato influenzato da Gasp ma anche influenzato da altri tecnici. Non pensavo che facesse l’allenatore, era un pazzo scatenato. E’ una grande persona, a livello calcistico mi ha cambiato molto insieme a Milito: per la prima volta vedevo da vicino dei giocatori del genere».

BILANCIO TERZA STAGIONE – «Andiamo tranquilli e sereni, non siamo programmati per uscire dalla zona grigia. Dobbiamo sfruttare le situazioni positive e non abbatterci in quelle negative: dobbiamo migliorare i singoli e il prodotto completo, ma pensando una gara alla volta».

COME SI VEDE UN GRANDE CALCIATORE – «Spesso non si capisce cosa sia un grande giocatore. Dico che uno non è top, ma perché l’ho visto dal vivo: l’ho vissuto con Thiago e Milito, erano top. Motta fece il primo possesso palla dopo due mesi e poi calò il silenzio, avevamo visto un extraterrestre. Era un fuoriclasse assoluto come visione del gioco e tante altre cose. Era una squadra buona, ma con lui e Milito facemmo il salto di qualità con 68 punti e un calcio fantastico. I fuoriclasse hanno un tocco di palla diverso, oltre a una mentalità: Thiago era particolare, non era un top in certe cose, ma aveva una competitività unica. Era davvero forte».

PARTITA – «É questa la partita vera, nella quale devi dimostrare tante cose. Non sai come andrà il risultato, ma ci deve essere la prestazione. Sono curioso di vedere Pellegri, oltre a tutti gli altri, per vedere se saremo come nell’ultima partita. E’ un bell’esame: contro il Milan te lo aspetti, è questa partita che può darci grandi risposte».

L’articolo Torino, Juric: «Andiamo tranquilli e sereni, sfruttando ogni situazione» proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 05-11-2022


Pellegri: «Il mio idolo d’infanzia era Ibrahimovic…»

Sala risponde a Sgarbi: «Si sbaglia, San Siro è stato esaminato e non è vincolabile…»