Capello verso il PSG, Ancelotti sulla panchina del Real Madrid

Ultim’ora, vicinissime alla risoluzione alcune trattative: il tecnico friulano andrà ad allenare Ibrahimovic, Roberto Mancini il suo sostituto sulla panchina della Nazionale. Ancelotti al Real Madrid.

di antonio

Fabio Capello, Carlo Ancelotti e Roberto Mancini. Tre allenatori italiani che probabilmente, tra qualche ora, saranno al centro di un vortice di mercato rivoluzionario. Il primo, stando alle ultimissime notizie provenienti dalla Francia, sarebbe ad un passo dal Psg. Il club parigino avrebbe rinunciato a Villas Boas perché la clausola rescissoria di 12 milioni fissata dal Tottenham è considerata troppo alta. Nelle prossime ore potrebbe definire l’arrivo del tecnico della nazionale russa, liberandolo con un cifra vicina ai 3 milioni. Per la panchina della Russia si profila l’arrivo di Roberto Mancini, appena esonerato dai Citizens.

Già lo scorso anno la Federcalcio russa aveva tentato lo jesino con un contratto di 6 anni a 7,2 milioni di euro, quando con il Manchester City Mancini non riusciva a trovare un accordo. Ma non se ne fece nulla perché alla Russia arrivò Capello e Mancini restò al City. Ancelotti e il Real Madrid, invece, sono sempre più vicini all’accordo scritto. Sembrano non esserci più dubbi sul nome del prossimo tecnico delle merengues e negli ultimi giorni, secondo la stampa spagnola, c’è stato anche il contatto decisivo in Qatar. Il Real Madrid pagherà un indennizzo al Paris Saint Germain per liberare Ancelotti dal contratto in scadenza nel 2014.

Solo una settimana fa Florentino Perez, presidente madridista, in un’intervista rilasciata all’emittente spagnola ‘Antena 3 aprì le porte all’ex allenatore del Milan che sostituirebbe Josè Mourinho: “Vedrei molto bene Ancelotti al Bernabeu. E’ un allenatore magnifico e già in passato ho provato a ingaggiarlo. Quello parigino è un club amico, lui ha ancora un anno di contratto, bisogna aspettare e vedere che succede. Zidane? Lui ha una grande voglia di fare l’allenatore e io ne sarei entusiasta, ma credo che in questo momento preferisca un ruolo di secondo livello. La prossima settimana sarà a Madrid e valuteremo con lui ogni possibile soluzione”.

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →