Milan, un tutor per Balotelli: è un ex poliziotto del G8

Per rimettere in riga Mario Balotelli servirà un tutor. Lo scrive oggi il quotidiano ‘La Repubblica’ che evidenzia come il centravanti del Milan e della nazionale italiana, seguirà una sorta di percorso disciplinare, una terapia a tutti gli effetti, con lo scopo di rendere il ragazzo più avvezzo alle regole e ai comportamenti corretti. Negli ultimi tempi, infatti, sono state realmente troppe le intemperanze di Balotelli, che pare soffrire anche di una sorta di mania per i social network, Twitter su tutti. Le battute twittate nei giorni del ritiro con la nazionale hanno creato addirittura dei veri e propri casi diplomatici, che solo Prandelli e il suo staff hanno voluto tollerare evitando punizioni che secondo il CT avrebbero potuto far degenerare la situazione. Il tentativo di fuggire dal ritiro di Coverciano, poi, è stata l’ultima uscita di un ragazzo che se vuole realmente continuare a giocare a calcio, deve accettare di essere appunto ‘curato’.

Ad occuparsi di Balotelli, ora, sarà un uomo di fiducia del Milan: si tratta di un ex poliziotto del G8, Filippo Ferri, ex capo della squadra mobile di Firenze, dirigente di polizia figlio dell'ex ministro dei lavori pubblici. Da tempo Ferri lavora già per garantire la sicurezza del club rossonero e ora dovrà anche occuparsi del processo di ‘educazione’ di Supermario. La terapia sarebbe stata avallata anche dall’agente Mino Raiola, che ha però lasciato intendere in Via Turati che presto o tardi Balotelli lascerà il Milan.

Il compito di Ferri, sarà quello di affiancare uno psicologo: mentre quest’ultimo si occuperà di capire cosa frulla per la testa dell’ex Inter, Ferri non dovrà perderlo di vista, magari seguirlo in qualche locale per frenarne gli ‘istinti animali’ o prendergli il telefonino dalle mani quando sta per twittare magari qualcosa sulla camorra che rischierebbe di metterlo nei guai scatenando anche interrogazioni parlamentari. Insomma, da oggi in poi, Balotelli sarà seguito giorno e notte come un bambino, nella speranza che non perda spesso la via maestra. Secondo voi è la soluzione giusta?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail