Del Piero: “Allenatore? Ruolo affascinante, in futuro vedremo”

L’ex numero 10 della Juventus, Alessandro Del Piero, si dice affascinato dalla possibilità di fare l’allenatore, ma ancora pensa da calciatore

Alessandro Del Piero è tornato al gol con il Sydney FC lo scorso weekend: l’ex numero 10 della Juventus ha messo a segno una doppietta che hanno consentito agli ‘Sky Blues’ di agguantare il quinto posto in classifica, lanciandosi nella corsa ai play off scudetto della A-League. L’obiettivo lo scorso anno è stato mancato per un soffio, ma quest’anno il Sydney FC sta dimostrando di aver fatto notevoli passi avanti, anche grazie a ‘Pinturicchio’, che ha portato nella squadra la sua esperienza ventennale con la maglia della Juve. Da parte sua Del Piero è concentratissimo sull’obiettivo immediato – la conquista dei playoff- ma nel corso di un’intervista rilasciata ad Eurosport parla anche di futuro e, per la prima volta, ammette di essere affascinato dal ruolo di allenatore, ipotesi fin qui sempre dribblata da Alex.

“Sono in un’età (39 anni, ndr) dove devo valutare le cose attentamente e passo dopo passo. Ad aprile vedremo cosa accadrà. Futuro da allenatore? E’ interessante e affascinante ma anche impegnativo, bisogna esserci dentro al 100%, ma penso ancora ad essere un calciatore”.

Insomma, con l’avvicinarsi della soglia dei 40 anni, indicata un paio di stagioni fa proprio da Del Piero quale termine più probabile per la sua carriera di giocatore, l’ex capitano della Vecchia Signora, pensa anche a cosa farà da grande. Già qualche giorno fa, nel corso di un’intervista rilasciata a ‘Rai Sport’ non aveva escluso un ritorno alla Juventus con un ruolo dirigenziale, nonostante il divorzio avvenuto ormai oltre un anno e mezzo fa non sia avvenuto nel migliore dei modi.

“Per 3 mesi o un anno e mezzo – continua Alex a Eurosport – , per ora continuerò a giocare. Qui mi trovo molto bene, è un’esperienza fantastica per molti aspetti. Sicuramente mi sta lasciando diverse cose. Per ciò che riguarda il campionato australiano, esistono molte differenze: c’è una sola Lega, non ci sono retrocessioni, ci sono molte meno squadre, ma l’amore per il calcio qui sta crescendo in maniera esponenziale rispetto all’anno scorso. E’ un momento molto bello per il calcio australiano e io lo sto vivendo in pieno”.

Nei giorni scorsi sono circolate voci di un possibile trasferimento di Del Piero nel campionato indonesiano, al termine del campionato attuale con il Sydney. Ipotesi nemmeno commentata dall’ex capitano bianconero, che poi conclude l’intervista con un pensiero proprio alla Juve, che dopo il pareggio con la Lazio, si appresta il prossimo weekend ad affrontare l’Inter di Walter Mazzarri:

“Sta facendo molto bene, non incide il pari con la Lazio. In campionato sta rimarcando la sua forza – conclude – , peccato che in Europa non abbia fatto lo stesso ma la seguo sempre con grande attenzione”.