Mercato Milan: Seedorf accoglie i nuovi arrivati Essien e Taarabt

L’ex Chelsea è stato presentato ieri in conferenza stampa, oggi è attesa la firma del marocchino.

C’è movimento in questi giorni a Milanello, con il mercato ancora in fermento e lo scambio Armero – Constant a tenere banco, Adriano Galliani continua a lavorare per offrire a Seedorf una squadra capace di risollevarsi dopo l’inizio stentato di questa strana stagione. Nel frattempo il nuovo tecnico rossonero ha fatto la conoscenza di Michael Essien che ieri è stato presentato alla stampa prima di indossare gli scarpini e sostenere il primo allenamento nella sua nuova squadra, per la cronaca l’ex Chelsea in partitella ha segnato anche il primo gol. Oggi invece dovrebbe essere il giorno di Adel Taarabt, il marocchino proveniente da Fulham è a Milano, sosterrà le visite mediche alla clinica “La Madonnina”, poi sarà in sede per firmare il contratto.

Per il momento a scaldare l’animo dei tifosi c’è il ghanese, sicuramente un giocatore dalle qualità importanti che lascia dubbiosi solo per gli infortuni che negli anni passati lo hanno bloccato a lungo, anche se a tal proposito Galliani si dice più che sicuro dell’integrità fisica del centrocampista. Essien, che ha comunicato di aver scelto la maglia numero 15, è apparso molto soddisfatto davanti ai microfoni e ha spiegato i motivi che lo hanno portato a scegliere il progetto del Milan legandosi ai colori rossoneri con un contratto che scadrà il 30 giugno 2015:

Sono molto contento di far parte della famiglia Milan. Ho grandi amici qui come Muntari e Kakà. Per me è un grande onore essere qui ed è la realizzazione di un sogno per me tutto questo. Non vedo l’ora di cominciare ad allenarmi. Voglio dare il massimo. Ho scelto di venire al Milan, perché prima di ritirarmi avevo questo desiderio. Poi ho parlato con mister Seedorf. Non ho mai avuto altri desideri che non venire qui. Voi sapete che i grandi club, pretendono sempre di lottare per grandi obiettivi e ambizioni. Questa forse è una stagione un po’ atipica, ma daremo sempre il massimo per vincere ogni partita da qui a fine stagione.

L’acquisto di Essien torna utile anche in chiave Champions League, il giocatore infatti potrà essere regolarmente spiegato e come ha confermato Galliani questo fattore ha inciso in maniera decisiva sull’operazione di mercato. L’amministratore delegato ha anche smentito le voci relative a dei problemi fisici che affliggono il giocatore e che sarebbero dietro lo scarso utilizzo in questi sei mesi al Chelsea alla corte di Mourinho che pure lo aveva portato con sé dal Real Madrid:

Essien non giocava per scelta tecnica al Chelsea. Non ha problemi di natura fisica. Non so chi abbia messo in giro queste voci. Nessuno mi ha mai detto che avesse problemi fisici.

Oggi è invece il giorno di Taarabt, centrocampista marocchino del 1989 che ama giocare dietro le punte. Proviene dal Fulham che a sua volta lo aveva preso in prestito dal Queen’s Park Rangers. Anche al Milan arriva in prestito, resterà in rossonero almeno fino a giugno, in questi mesi il club valuterà se credere o meno in lui. Il giocatore è arrivato questa mattina a Milano ed è stato subito intercettato dai giornalisti. Entusiasmo, orgoglio per la scelta fatta, le parole sono quelle di rito da primo giorno di scuola, poi rassicura tutti sul suo carattere smentendo problemi di natura disciplinare con i Cottagers:

Sono onorato di poter giocare nel miglior club del mondo. Ho parlato con Seedorf ed eravamo felici entrambi. Sono un attaccante e mi piace giocare dietro le punte. Non conosco personalmente Balotelli, ma so bene chi è e mi fa piacere poter giocare con lui. Problemi al Fulham? Non è vero. Spero di rendere felici i miei connazionali, perché sono il primo marocchino che gioca a Milano.

Se tutto andrà nel verso giusto oggi sarà il giorno dell’ufficializzazione. Poi Galliani dovrà continuare a lavorare sullo scambio con il Napoli che porterebbe Armero in rossonero e Constant in Campania, come ha spiegato il dirigente l’ostacolo per ora è rappresentato dal rifiuto del francese che non sembra tanto interessato a cambiare maglia. Di sicuro la rosa non crescerà, ad ogni inserimento corrisponderà un depennamento nello stesso ruolo, seguendo questa regola era anche stata abbozzata una trattativa per Agazzi del Cagliari, ma Amelia non sembra entusiasta di volare in Sardegna. Basteranno questi rinforzi a Seedorf per risollevare una stagione che per il momento ha mostrato più ombre che luci?

I Video di Calcioblog