Milan: Barbara Berlusconi in Medio Oriente, ecco il nuovo sponsor giapponese

L’amministratore delegato rossonero Barbara Berlusconi in Medio Oriente mentre si fa avanti un potenziale partner giapponese

Barbara Berlusconi, amministratore delegato del Milan, è partita in missione e starà fuori dall’Italia fino all’11 aprile. A quella data, la figlia del patron rossonero Silvio, potrebbe avere grandi novità per il tifosi. Mentre Adriano Galliani sta programmando le mosse di mercato in vista di giugno, infatti, si lavora per potenziare l’assetto societario che non esclude l’ingresso di nuovi partner. Nel suo viaggio, Barbara Berlusconi sarà accompagnata dal nuovo direttore marketing, Jaap Kalma, e dal direttore vendite Mauro Tavola. Il brand Milan, come più volte annunciato dall’ad, sarà rilanciato in Italia e nel Mondo.

La prima sosta del viaggio lungo una settimana, è prevista a Dubai: lì Barbara Berlusconi incontrerà i vertici di Fly Emirates, il main sponsor che campeggia sulle casacche del Milan il cui contratto è in scadenza tra un anno. Attualmente, la compagnia aerea versa nelle casse rossonero qualcosa come 12 milioni di euro più bonus l’anno: il Milan si aspetta qualcosina in più per fare un piccolo passo in avanti e provare a colmare il gap commerciale che esiste tra il club milanese e gli altri top europei. Una volta sistemate le cose con Fly Emirates, Barbara Berlusconi si recherà ad Abu Dhabi: anche qui si parlerà con alcuni potenziali investitori, proponendo la possibilità di aprire dei ‘Milan corner’ che ricalchino nella struttura e nel funzionamento (musei rossoneri, store ufficiali, ristoranti e bar) la nuova sede presentata proprio qualche giorno fa.

Da non escludere la cessione dei “name rights” di Milanello e del nuovo stadio del Milan, il cui progetto va avanti e che dovrebbe essere pronto nel giro di pochi anni. Si cerca anche un nuovo azionista in grado di farsi carico del 20-30% del pacchetto azionario del Milan, mentre già nei prossimi giorni sarà ufficializzato l’accordo con un prestigioso marchio giapponese, che entrerà a far parte della famiglia degli sponsor rossoneri, anche se al momento non si conoscono durata del contratto e la cifra degli investimenti garantiti.