Berlusconi a sorpresa: “Seedorf potrebbe restare”

Silvio Berlusconi, presidente del Milan, apre a sorpresa alla conferma in panchina di Clarence Seedorf

È la prima in assoluto: Silvio Berlusconi apre pubblicamente alla conferma di Clarence Seedorf sulla panchina del Milan. Intervistato stamane da Radio 24 per parlare principalmente di politica in vista delle elezioni europee 2014, il numero uno del club rossonero, ha lasciato chiaramente intendere che il destino di Seedorf non sia ancora segnato:

“Non è stato un errore prenderlo a gennaio. Può restare – ammette Berlusconi – a patto di trovare un accordo con lui per la sua posizione con la società. Decideremo con il Consiglio dopo la partita con il Sassuolo”.

Parole distensive quelle del presidente del Milan, dalle quali traspare però evidente disagio per quanto accaduto in questi mesi di gestione Seedorf. Pubblicamente la dirigenza rossonera ha sempre dribblato le domande scomode sul tecnico, ma c’è stato più di un episodio che ha fatto trasudare evidenti dissapori. A partire dalle confessioni fatte da Seedorf ad alcuni capi ultrà – poi smentite – passando per quella sua voglia di cambiare tutto e subito svolgendo un ruolo di manager in stile calcio inglese. Lo spogliatoio gli si è ben presto rivoltato contro, almeno in alcuni senatori, costringendo la società ad intervenire anche in questioni tecniche (l’imposizione di Montolivo titolare contro il Catania).

La situazione è molto delicata e Berlusconi ci va con i piedi di piombo poiché a Seedorf ha fatto sottoscrivere un contratto valido fino al giugno 2016. Appena concluso il campionato, però, sarà presa una decisione e a quanto pare all’olandese sarà prospettata una soluzione che preveda l’accettazione delle condizioni di Adriano Galliani, ad con delega all’area sport. A proposito del doppio amministratore delegato, soluzione fin qui tanto discussa, Berlusconi ha poi aggiunto:

“La doppia guida al Milan risponde all’esigenza dell’innovazione. Mia figlia – conclude – è l’innovazione insieme all’esperienza di Adriano Galliani”.

Intanto, secondo i quotidiani sportivi di oggi, nel caso in cui Seedorf fosse messo alla porta, il sogno di Berlusconi sarebbe il ritorno di Carlo Ancelotti. Quanto agli altri candidati alla panchina del Milan, salgono le quotazioni di Roberto Donadoni e Filippo Inzaghi, scendono quelle di Vincenzo Montella e Luciano Spalletti.