Inter, Mazzarri prolunga fino al 2016: presto l'annuncio

Manca solo l’annuncio ufficiale, ma Walter Mazzarri e l’Inter hanno trovato l’intesa per proseguire il rapporto fino al giugno del 2016. Le frizioni sarebbero state definitivamente cancellate dall’ultimo colloquio con il direttore sportivo Piero Ausilio, al termine del quale il tecnico toscano avrebbe accettato il prolungamento per un altro anno (rispetto alla scadenza dell’accordo precedente) alle stesse cifre che Mazzarri percepisce attualmente. Nei giorni scorsi, indiscrezioni giornalistiche davano l’allenatore nerazzurro molto deluso dallo svolgimento fin qui del mercato: i colpi attesi dopo il tesseramento a costo zero di Nemanja Vidic ancora non sono arrivati, nonostante Ausilio stia portando avanti numerose trattative.

Mazzarri, dunque, pare convinto del nuovo progetto dell’Inter e avrebbe avuto le rassicurazioni tecniche che chiedeva. Dopo il lungo colloquio tenuto con Ausilio, il diesse nerazzurro ha parlato con il presidente Erick Thohir, che ha dato il suo assenso e ha confermato che appena in Italia metterà nero su bianco il nuovo contratto che sarà firmato da Mazzarri. Prima dell’inizio della nuova stagione, dunque, il tecnico toscano avrà in tasca il nuovo accordo e un programma biennale che prevede il ritorno dell’Inter ai vertici del calcio italiano ed europeo. Lo stipendio sarà lo stesso di quello attuale, ossia 3,3 milioni di euro più eventuali bonus in caso di raggiungimento di importanti traguardi.

mazzarri inter milan

Ora, però, la società nerazzurra dovrà passare dalle parole ai fatti, portando a termine alcune trattative chiave per le quali Mazzarri chiede un’accelerata: si dovrà chiudere per un mediano (M’Vila e Behrami i favoriti), poi un esterno (Biabiany è vicinissimo al ritorno) e una punta. Attenzione, però, a Mauro Icardi: sull’attaccante nerazzurro è in pressing l’Atletico Madrid, che avrebbe addirittura pronti oltre 30 milioni di euro. Per ora l’argentino è ritenuto ufficialmente incedibile dalla società milanese.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail