Roma, presentazioni a raffica: oggi è stato il giorno del turco Salih Uçan

Una presentazione al giorno in casa Roma: oggi è toccato al giovane turco Salih Uçan, domani grande attesa per le parole di Juan Iturbe.

La Roma americana compra e non vende, fino ad ora il mercato dei giallorossi non può che soddisfare i tifosi: tre giorni e tre presentazioni ufficiali, e non è finita qua perché la “perfect-week” domani si arricchirà delle parole dell’acquisto più atteso, cioè Juan Iturbe. Ma andiamo con ordine: lunedì è stato il giorno di Seydou Keita, 24 ore dopo si è presentato alla stampa Ashley Cole, ieri invece è stato il turno di Urby Emanuelson, oggi invece è toccato a Salih Uçan, giovane centrocampista turco che ha scelto la maglia numero 48 (“E’ la targa della mia città natale, Marmaris“).

Fortemente voluto da Walter Sabatini, il 20enne ex Fenerbahçe è ben consapevole di dover fare tanta strada per guadagnarsi un posto di rilievo nella già competitiva rosa romanista, tanto più perché a centrocampo la concorrenza ha i nomi di veri e proprio mostri sacri come De Rossi, Strootman, Nainggolan, Pjanic e appunto Keita. La nuova esperienza però stimola al massimo Uçan, come confermano le sue parole:

“Ho cominciato a giocare quando avevo 18 anni e ho incontrato sulla mia strada giocatori di grande esperienza e ho sempre mostrato le mie qualità. Il mio scopo qui a Roma è adattarmi bene e in fretta e cercare di mostrare le mie qualità. Il mister mi ha dato la sua fiducia e sono contento di questo. Il primo impatto coi compagni è positivo anche se non parlo ancora l’italiano. Quando lo imparerò tutto andrà meglio”.

Salih Uçan è probabilmente il meno pubblicizzato degli acquisti estivi della Roma, eppure il giocatore ha un ottimo potenziale: a 18 anni ha giocato 26 partite coi gialloblu di Istanbul, timbrando pure il cartellino in tre occasioni (da registrare anche 7 presenze in Europa League), l’anno passato ha fatto più che altro panchina, ma le sue qualità gli hanno permesso anche di esordire in Nazionale nel novembre scorso contro l’Irlanda del Nord. Insomma, è un prospetto interessante e non è stato proprio facile strapparlo ai turchi:

“E’ stato un trasferimento non facile perché il Fenerbahçe ha un presidente rigido con cui non è semplice trovare un accordo. Ma alla fine è arrivato ed è questo quello che conta. Al Fenerbahçe ho affrontato molte partite importanti, anche in Europa. Qui alla Roma ci sono molti giocatori importanti in mezzo al campo, ma io mi vedo come centrocampista e non trequartista. In Turchia ho giocato sia da numero 6 sia da 8, credo di essere capace di giocare in tutti i ruoli del centrocampo”.

Ufficialmente arriva nella capitale italiana con la formula del prestito oneroso a 4,75 milioni con la possibilità per la Roma di estendere a due gli anni del prestito; in più Sabatini si è anche assicurato il diritto di riscatto nel 2016 per un corrispettivo di circa 11 milioni. Insomma, cifre importanti per un calciatore tutto da scoprire.

I Video di Blogo

Cristiano Ronaldo live su Instagram: “Quel signore dall’Italia che dice bugie…”