Il Terracina vuole ingaggiare Adriano

Il Terracina, club laziale di Serie D, vuole ingaggiare Adriano, l’Imperatore, ex attaccante di Inter, Roma e Parma

Clamorosa notizia di mercato. Non è una bufala. Sembra tutto confermato. Il Terracina, club laziale che milita in Serie D, vuole prendere Adriano. Si, proprio lui, l’ex Imperatore, stella dell’Inter e della nazionale brasiliana, di fatto, inattivo, da circa quattro anni tra infortuni e problemi personali.

La notizia è stata pubblicata dal portale ciociariaquotidiano.it e, rilanciata, in serata, dall’esperto di calciomercato Alfredo Pedullà durante la trasmissione Speciale Calciomercato, in onda su Sportitalia. Dunque la fonte è più che attendibile. Dopo la rescissione del contratto con l’Atlético Paranaense, avvenuta lo scorso aprile, a cause di alcune assenze ingiustificate agli allenamenti e a qualche distrazione extracalcistica di troppo, l’agente di Adriano, Wagner Ribeiro, ha tentato di offrire il suo assistito a vari club europei e italiani, ricevendo però una serie di inevitabili rifiuti. Il Terracina ha fiutato il possibile colpo ad effetto ed è in continuo contatto con lo stesso Ribeiro per verificare la disponibilità al trasferimento dell’attaccante, il quale, ha dichiarato di non volersi ritirare.

Nonostante la categoria dilettantistica, la compagine laziale è molto ambiziosa e punta alla promozione diretta nella nuova Lega Pro unificata. La conferma arriva anche dall’ingaggio del nuovo allenatore, lo svizzero Fabio Celestini, ex nazionale elvetico (35 presenze e 2 gol) e calciatore di Olympique Marsiglia, Levante e Getafe, reduce da un’esperienza da tecnico in seconda nel Malaga allenato da Bernd Schuster.

Non sono qui di passaggio. Non conoscevo Terracina, ma l’intento è quello di far bene e portarla tra i professionisti. Dopo una carriera da calciatore, devo dimostrare il mio valore anche da tecnico

Questa la dichiarazione di Celestini nel giorno della presentazione. Chissà se Adriano lo aiuterà a raggiungere i suoi obiettivi…

I Video di Blogo

La Juventus al lavoro