Perù, calciatore colpito da un fulmine (Video)

La situazione di Joao Contreras è critica ma stabile.

Non è la prima volta che un calciatore ha la sfortuna di essere colpito da un fulmine nel bel mezzo di una partita. Nel recente passato, infatti, ci sono stati numerosi episodi di questo tipo: in alcuni casi, i malcapitati protagonisti se la sono cavata senza grandi conseguenze, in altri, invece, l’incidente si è rivelato più grave del previsto.

L’ultimo episodio di questo genere è accaduto in Perù, durante una partita di coppa nazionale tra lo Sport Aguila e il Fuerza Minera. Il giocatore che è stato colpito da un fulmine risponde al nome di Joao Contreras che, ovviamente, si è accasciato a terra subito dopo aver ricevuto la forte scarica elettrica.

Il calciatore è stato soccorso immediatamente e ricoverato presso l’ospedale di Huancayo. Le prime indiscrezioni non sono state affatto positive: si è parlato, infatti, di Joao Contreras addirittura prossimo alla morte. Le successive voci, però, hanno smentito categoricamente le prime: il calciatore 21enne in forza allo Sport Aguila è uscito vivo dall’incidente, le sue condizioni restano critiche ma la situazione è assolutamente stabile.

Come già scritto, le prime notizie riguardanti lo stato di salute di Contreras sono state tutt’altro che confortanti al punto che il profilo Twitter ufficiale dello Sport Aguila ha addirittura comunicato ufficialmente il decesso del giocatore.

Dopo qualche ora, però, la notizia è stata successivamente smentita con un tweet di scuse: Joao Contreras è vivo ed è stato definito un “miracolato” dai medici dell’Ospedale Ramiro Prialé.

Stando al comunicato stampa dell’ospedale, il calciatore ha riportato lesioni da ustioni di secondo grado sul 18% del corpo, presentando anche altri tipi di lesioni a causa del forte impatto sul suolo. A breve, sarà anche sottoposto ad una TAC affinché si possano escludere ulteriori danni al midollo spinale.

Il fulmine ha colpito anche un guardalinee della partita che non ha riportato, però, ferite gravi.