Milan, 4 giornate a Mexes che ora rischia la rescissione

Quattro giornate di squalifica a Mexes, il Milan ora pensa di rescindergli in contratto e punta Munoz del Palermo.

Philippe Mexes è stato squalificato per 4 giornate dal Giudice Sportivo dopo l’espulsione, e conseguente reazione su Stefano Mauri, rimediata sabato scorso all’Olimpico contro la Lazio; una pena giusta e forse è andata pure bene al francese che non è nuovo a tali comportamenti. Così recita il comunicato con cui vengono spiegate le motivazioni della squalifica:

“SQUALIFICA PER QUATTRO GIORNATE EFFETTIVE DI GARA MEXES Philippe (Milan): per avere, al 46° del secondo tempo, a giuoco in svolgimento, afferrato al collo un calciatore avversario trascinandolo al suolo e reiterando, dopo la consequenziale espulsione, tale violenta condotta”.

Il Milan non ha preso per niente bene la condotta del suo tesserato, in scadenza di contratto e con un ingaggio tra i più onerosi presenti in rosa, 4 milioni netti che significano il doppio per le casse del Diavolo. Non convocato per la partita di Coppa Italia di stasera, sempre contro la Lazio, ora a Milanello stanno pensando di dare il benservito all’ex romanista, in calo a livello di prestazioni sul rettangolo verde e, quando si dice piove sul bagnato, anche intemperante. Berlusconi risparmierebbe un po’ di soldini da qui a giugno (ma non è detto che il giocatore si faccia da parte così facilmente, anzi), da reinvestire su Ezequiel Munoz che il Palermo lascerebbe partire già da subito anche se Zamparini, che lo aveva pagato 6 milioni, non lo regalerà di certo.

Intanto Gianpaolo Tosel ha squalificato per tre giornate anche Panagiotis Koné dell’Udinese (per il rosso contro l’Empoli ma l’aggravante è stata la spinta all’arbitro Ghersini), mentre un turno di stop all’espulso Acerbi così come a 13 giocatori ammoniti che erano in diffida: si tratta di Antonelli, Baselli, Bertolacci, Biglia, D’Ambrosio, Dainelli, Ekdal, Floro Flores, Koulibaly, Marchisio, Pizarro, Radu e Rossettini.

I Video di Calcioblog